Opzione Donna: come andare in pensione a 60 anni?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
19/12/2022

Opzione Donna è nei pensieri del governo Meloni, il quale ha intenzione di non perdere la riforma e implementarla sempre di più nell’ordinamento fino a renderla strutturale. Con questa misura sarà possibile andare in pensione in anticipo rispetto al previsto: vediamo come funziona e quali saranno i nuovi requisiti.

Pensione

La nuova Legge di Bilancio è intervenuta sulle pensioni, in particolare su Opzione Donna, la misura che si pone in antitesi alla Legge Fornero. I requisiti sono stati rivisti e risultano essere più stringenti di quelli precedenti: non saranno infatti legati all’età ma anche al numero dei figli posseduti.

Non mancano le polemiche, in quanto tale meccanismo andrebbe a danneggiare coloro che non hanno figli. Approfondiamo insieme la vicenda, andando ad analizzare il criterio dei figli.

Opzione Donna: cos’è il criterio dei figli?

leisure-of-pensioners-min (1)

Vediamo come funziona il requisito dei figli e per quale motivo vuole essere tolto dal meccanismo. Stando a quanto si legge nel testo attuale, per ogni figlio che si ha si andrà in pensione un anno prima: con uno a 59, con due a 58 e così via. Tale meccanismo dovrebbe decadere in quanto svantaggioso per coloro che non hanno prole.

Se da una parte si tratta di un vantaggio per chi non ha figli, dall’altro lato si tratta di uno svantaggio per chi ne ha, in quanto si andrebbe a perdere almeno un anno.

Opzione Donna: ecco come potrebbe cambiare

sad-frustrated-senior-woman-pensioner-having-depressed-look-holding-hand-on-her-face-calculating-family-budget-sitting-at-kitchen-counter-with-laptop-papers-coffee-calculator-and-cell-phone-min

Vediamo ora come potrebbe cambiare Opzione Donna e quali saranno i nuovi requisiti che il governo ha deciso di introdurre per poter sfruttare la misura. Una delle ipotesi più verosimili, è quella di togliere il vincolo dei figli, andando a lasciare le altre previsioni: caregiver, invalidità almeno al 74%, accesso per le lavoratrici licenziate o per le dipendenti di imprese in crisi.

Un’altra opzione riguarda invece una proroga temporanea della misura attuale per il 2023. Vediamo nello specifico quali sono le ipotesi in campo.