Pagamenti elettronici: multe rimandate al 2023

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
11/01/2022

Le multe previste dal decreto Recovery per quei commercianti e professionisti che rifiutano i pagamenti elettronici sono state rinviate al 2023. Vediamo insieme cosa prevedono le sanzioni e quali sono i problemi di applicazione della normativa in merito.

credit-card-g35ef265df_1920Le sanzioni previste per i commercianti che si rifiutano di far pagare ai clienti con carta di credito o bancomat sono state rinviate a gennaio 2023, secondo quanto riportato da La Repubblica. Le multe erano state introdotte dal decreto Recovery pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2021, anche se l’obbligo fu introdotto dal governo Monti nel 2012.

Vediamo insieme nel dettaglio cosa prevede la normativa in merito ai pagamenti elettronici.

Pagamenti elettronici: le sanzioni previste

close-up-image-woman-paying-with-credit-card-cafe-minL’obbligo di consentire i pagamenti elettronici fu introdotto nel 2012 dal Governo Monti ma non prevedeva sanzioni. Infatti, secondo quanto previsto dalla normativa, se i clienti vedevano rifiutarsi da parte dei commercianti il pagamento con carta di credito o bancomat, avevano il diritto di non pagare fino a quando la controparte non avesse accettato il pagamento elettronico.

Le multe in quest’ambito sono state introdotte lo scorso anno dal decreto Recovery, il quale prevede che le sanzioni siano pari a 30 euro, più il 4% in più del valore della transizione. Dunque, per esempio, se un commerciante si rifiutasse di accettare un pagamento elettronico di 50 euro, la multa sarebbe pari a 32 euro.

L’obiettivo è quello di incentivare l’utilizzo di carte di credito, bancomat e servizi tracciabili per i pagamenti, in modo tale da contrastare l’evasione fiscale. Secondo quanto previsto dalla legge, i pagamenti elettronici devono essere accettati sia dagli esercenti commercianti sia dai professionisti, come tassisti, idraulici o medici.

Problemi della normativa

credit-card-payment-buy-sell-products-service-minRecentemente si è diffusa la notizia del rinvio dell’inizio delle multe in merito al rifiuto di pagamenti elettronici da parte di commercianti e professionisti. Infatti, le sanzioni troveranno applicazione soltanto nel 2023, a meno che non si verifichi un ulteriore rinvio nei prossimi mesi.

Un ulteriore problema riguarda le modalità di applicazione della norma. Infatti, nonostante il cliente abbia la possibilità di denunciare l’esercente che rifiuta il pagamento elettronico, il commerciante potrebbe giustificarsi con le forze dell’ordine di aver avuto problemi di linea con il dispositivo elettronico.