Partita IVA: cosa fare per chiuderla

01/08/2021

Cosa bisogna fare per chiudere una partita IVA? Quando si decide di cessare un’attività imprenditoriale è necessario rispettare determinati tempi e procedure: vediamo insieme le istruzioni fornite dall’Agenzia delle Entrate e il caso di chiusura d’ufficio da parte di quest’ultima.

businessman-checking-documents-table-min

Come bisogna comportarsi quando si decide di chiudere la propria partita IVA?

L’Agenzia delle Entrate ha fornito le istruzioni da seguire e il modello da compilare e da inviare telematicamente per dichiarare la cessazione dell’attività. Vediamo più nel dettaglio qual’è la procedura da rispettare e il caso in cui l’AE provvede a chiudere d’ufficio la partita IVA per inattività.

Chiusura partita IVA: cosa bisogna fare

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

Per chiudere una partita IVA è necessario compilare ed inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate gli appositi moduli AA9/12 o AA7/10: il primo deve essere utilizzato dalle persone fisiche quali imprese individuali e lavoratori autonomi (artisti o professioni); il secondo, invece, è specifico per i soggetti diversi dalle persone fisiche (società, enti ed associazioni).


Leggi anche: Sostegni bis per partite IVA: fondo perduto, tasse e aiuti

La procedura va ultimata entro e non oltre 30 giorni dalla data di cessazione dell’attività.

Partita IVA: chiusura d’ufficio per inattività

businessman-working-with-documentation-desk-min

Il dl 193/2016, oltre ad eliminare le sanzioni in caso di mancata comunicazione e a semplificare in generale gli adempimenti a carico di imprese e professionisti, ha introdotto anche la fattispecie della chiusura d’ufficio della partita IVA per inattività.

Nello specifico, la normativa permette all’Agenzia delle Entrate di procedere alla chiusura della partita IVA nel caso in cui risulti inattiva da almeno 3 anni. Prima dell’effettiva chiusura, l’AE invierà una comunicazione tramite raccomandata al soggetto titolare della stessa, il quale avrà a disposizione 60 giorni di tempo per comunicare all’Agenzia eventuali fatti o circostanze non note.

Al termine dei 60 giorni gli uffici, considerando tutti i dati presenti nell’Anagrafe Tributaria, valuteranno se sospendere o meno la procedura di chiusura della partita IVA accogliendo l’istanza del titolare.

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica