Partite IVA, contributi a fondo perduto 2021: importi e a chi spettano

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
08/12/2021

Le partite IVA hanno ancora tempo per richiedere i contributi a fondo perduto riconosciuti a chi ha subito un peggioramento del risultato economico di esercizio pari al almeno il 30% tra il 2019 e il 2020. Vediamo nel dettaglio gli importi dei contributi e chi può presentare la domanda.

money-notepad-and-calculator-on-the-table (1)-min

Partite IVA: è ancora possibile richiedere i contributi a fondo perduto perequativo disposti dal decreto Sostegni bis.

La misura, finanziata con 4,5 miliardi di euro, è destinata a esercenti e professionisti in base alla percentuale di riduzione del risultato economico di esercizio nel 2020 rispetto al 2019, con gli accrediti che dovrebbero arrivare a tutti entro il 31 dicembre 2021.

Vediamo nel dettaglio i requisiti e le modalità di calcolo dei contributi.

Contributi partite IVA: chi può richiederli

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

Sono ancora attivi i contributi a fondo perduto perequativo a favore delle partite IVA che hanno subito una perdita di bilancio pari al almeno il 30% tra il 2020 e il 2019.

Nel decreto attuativo del MEF pubblicato in data 12 novembre 2021 sono presenti i requisiti per poter ottenere i contributi.

Possono presentare la domanda di accesso ai contributi a fondo perduto perequativo:

  • i titolari di partita IVA attiva alla data del 26 maggio 2021, esercenti attività d’impresa, arte o professione o che producono reddito agrario, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, ad eccezione di enti pubblici, intermediari finanziari e società di partecipazione;
  • i soggetti sopracitati che hanno registrato un peggioramento del risultato economico di esercizio pari almeno al 30% nel corso del 2020 rispetto al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019;
  • i titolati di partita IVA con ammontare di ricavi o compensi non superiori a 10 milioni di euro nel 2019.

Contributi partite IVA: quanto valgono

young-businessman-working-from-his-office-and-calculating-numbers-min

Nel decreto attuativo del MEF, pubblicato lo scorso 12 novembre, sono presenti anche le modalità di calcolo dei contributi spettanti. L’importo massimo erogabile per partita IVA è pari a 150 mila euro.

La somma esatta a cui si ha diritto va determinata secondo la procedura indicata all’articolo 2 comma 1 del decreto. Dopo aver calcolato  la differenza tra il risultato economico d’esercizio del 2020 con quello del 2019, bisognerà sottrarre gli eventuali altri contributi a fondo perduto ricevuti nell’ultimo anno e mezzo grazie ai vari decreti emergenziali; fatto ciò, al risultato ottenuto andrà applicata la percentuale del valore di ricavi e compensi del 2019:

  • 30% fino a 100 mila euro;
  • 20% da 100 mila a 400 mila euro;
  • 15% da 400 mila a 1 milione di euro;
  • 10% tra 1 e 5 milioni di euro;
  • 5% tra 5 e 10 milioni di euro.

Se l’ammontare dei finanziamenti già ricevuti è uguale o superiore alla differenza tra il risultato economico di esercizio tra il periodo d’imposta 2020 e 2019, non spetterà alcun nuovo contributo.