Partite IVA, esonero dei contributi: come e quando fare domanda

30/07/2021

Partite IVA, autonomi e professionisti con cassa possono fare domanda per l’esenzione dal pagamento dei contributi (cosiddetto anno bianco) fino al 31 ottobre 2021. Restano ancora diversi nodi da sciogliere, ma cerchiamo di capire come fare richiesta.

entrepreneur-working-with-bills

Nel seguente articolo cerchiamo di capire quale è la differenza tra i professionisti con cassa e le partite IVA in materia di domanda per l’esenzione dal pagamento dei contributi. Le regole per queste due categorie sono differenti: cambia infatti non solo la scadenza entro cui fare domanda, ma anche il modulo da compilare.

Nonostante sia stato pubblicato il decreto del Ministero del Lavoro, sono tanti i nodi da sciogliere sull’anno bianco per autonomi e professionisti.

Anno bianco: come fare domanda?

businessman-checking-documents-table-min

Le regole per usufruire dell’esonero contributivo, introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 per autonomi, professionisti e partite IVA, si trovano nel decreto del Ministero del Lavoro pubblicato il 28 luglio 2021.


Leggi anche: Nuovi contributi a fondo perduto per partite Iva e professionisti

L’attesa per questo decreto era tanta, in particolare per i soggetti coinvolti, e per la sua pubblicazione si è dovuto attendere l’ultimo giorno utile: il 31 luglio.

La domanda può essere effettuata tramite i moduli messi a disposizione dagli enti di previdenza, i quali poi trasmetteranno al Ministero del lavoro l’elenco dei beneficiari con cadenza mensile.

Quali sono le problematiche?

businessman-working-with-documentation-desk-min

Dopo la grande attesa, però, le partite IVA andranno in contro ad una vera e propria beffa: per effettuare la domanda, infatti, avranno a disposizione solo due giorni, con la procedura che deve essere ancora resa nota.

Ecco perché entra in gioco la data del 31 ottobre: questa, molto probabilmente, sarà utilizzata come data di proroga visto che ancora la procedura non è stata resa nota.

Per quanto riguarda i professionisti con cassa, invece, la difficoltà sta nell‘individuare i soggetti beneficiari, problematica che rischia di far slittare la procedura anche oltre la data del 31 ottobre.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica