Partite IVA in regime forfettario: dal 2022 obbligo di fatturazione elettronica

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
29/12/2021

Dal 2022 anche i professionisti in regime forfettario saranno tenuti ad emettere la fattura elettronica, obbligo già esteso a tutte le partite IVA fino al 2024. Vediamo quali sono le ultime novità a riguardo e cosa cambia a partire dal prossimo anno.

FatturaElettronica_720

Dal 2022 anche le partite IVA in regime forfettario saranno soggette all’obbligo di fatturazione elettronica, già esteso a tutta la categoria di autonomi fino al 2024.

L’Unione Europea ha accolto definitivamente la richiesta di Draghi di estendere l’obbligo anche ai forfettari: una misura che, nelle intenzioni del premier, contribuirà ulteriormente nella lotta all’evasione fiscale.

Analizziamo tutte le ultime novità sul tema.

Forfettari: obbligo fattura elettronica dal 2022

Fatturazione-elettronica_1-Copia

È arrivato nei giorni scorsi l’ok definitivo da parte dell’Unione Europa, che si è espressa sulle due proposte dell’Esecutivo Draghi riguardo:

  • l’estensione dell’obbligo di fatturazione elettronica per le partite IVA fino al 2024;
  • l’inclusione nella categoria dei soggetti obbligati anche dei professionisti in regime forfettario.

Fino ad oggi solamente il 10% delle partite IVA in regime forfettario ha emesso fatture elettroniche, pur non essendo obbligate: una situazione che ha convinto nelle scorse settimane il Governo a richiedere all’UE l’estensione dell’obbligo anche a tale categoria.

L’obbligo riguarderà circa 1,5 milioni di professionisti che oggi godono di agevolazioni ed esenzioni grazie ad un volume d’affari inferiore a 65 mila euro e, considerando i passaggi necessari per rendere operativa la nuova norma, entrerà in vigore in una fase successiva del 2022 (e non dal 1° gennaio).

Estensione obbligo fatturazione elettronica: tutte le categorie coinvolte

businessman-checking-documents-at-table-min

Ma le partite IVA in regime forfettario non saranno le uniche a doversi adattare al nuovo obbligo di fatturazione elettronica. Il Governo, infatti, ha recentemente confermato il vincolo, fino al 31 dicembre 2024, anche per le seguenti categorie:

  • operatori del settore sanitario;
  • piccoli produttori agricoli;
  • società sportive dilettantistiche;
  • soggetti non residenti in Italia che effettuano o ricevono operazioni.