Partite IVA: scadenze fiscali prorogate a settembre

09/07/2021

Il decreto Sostegni bis prevede la possibilità, per i possessori di partita Iva, di pagare le tasse dopo le ferie. Questo slittamento permetterebbe ai contribuenti di godersi le vacanze in estremo relax e pensare al saldo fiscale al ritorno dalle vacanze.

holiday-4917217_1920

L’estate 2021, per coloro che sono in possesso di partita Iva, si prospetta essere senza tasse.

Il decreto Sostegni bis, infatti, ha previsto lo slittamento del saldo fiscale sulle imposte sui redditi (Irpef, Ires, Irap e cedolare secca): l’emendamento al decreto, in fase di conversione in legge, prevede la proroga della scadenza per soggetti ISA e forfettari.

Partite Iva: le nuove scadenze fiscali

accountant-1238598_1920

I soggetti interessati dallo slittamento dei pagamenti sono circa 4 milioni e per alcuni di questi non si tratta della prima proroga di questa estate. Infatti, coloro che applicano gli Indici sintetici di affidabilità fiscale o sono in regime fortettario hanno già avuto una mini-proroga dal 30 Giugno al 20 Luglio.


Leggi anche: Tasse partite IVA: scadenze luglio e settembre 2021

Con i nuovi emendamenti, che passano al check della Commissione di bilancio della Camera, si prevede un nuovo slittamento al 10 Settembre. In questo modo si offrirebbe una tregua fiscale di circa 50 giorni alle partite Iva per il saldo 2020 e per l’acconto 2021 di Ires, Irpef, cedolare secca e Irap.

Il 10 Settembre vanno saldate imposte e presentata la dichiarazione dei redditi

Recovery Fund

Il 10 Settembre è un giorno da tenere bene a mente riguardo agli oneri fiscali: infatti entro questa data vanno saldati i sopra citati oneri per le partite Iva. In più, il 10 settembre scade anche il tempo utile per presentare la dichiarazione dei redditi.

Inoltre, sempre entro il 10 Settembre  si può fare domanda per il contributo a fondo perduto a conguaglio, novità assoluta del Sostegni bis per il quale però mancano ancora le istruzioni dettagliate.

Insomma, qualora gli emendamenti dovessero essere confermati si prospetterebbero delle ferie abbastanza tranquille per le partite IVA, da sfruttare per ricaricarsi in vista di tutti gli appuntamenti fiscali di Settembre.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica