Pensione dipendenti pubblici con disabilità: come funziona

31/07/2021

Cosa succede quando un dipendente pubblico con disabilità si avvicina alla pensione? Il sistema pensionistico funziona come nel caso del settore privato? Scopriamo tutti i dettagli di questa particolare fattispecie e cosa dice la normativa a riduardo.

wheelchair-749985_1920

Chiaramente i due casi prevedono differenti regolamentazioni e distinzioni. Ai dipendenti del settore privato, con invalidità non inferiore all’80%, si applica infatti un trattamento agevolato ai fini dell’accesso alla pensione.

Purchè in possesso di almeno 2 anni di contributi, possono andare in pensione le donne all’età di 56 anni e gli uomini all’età di 61 anni. Vediamo nel dettaglio cosa dice la normativa.

Pensione per i dipendenti pubblici con disabilità: ecco i casi in cui si anticipa

attractive-experienced-sixty-year-old-man-accountant-holding-papers-having-concentrated-focused-look-while-working-on-financial-report-sitting-at-desk-using-laptop-people-lifestyle-and-technology-min

Ci sono dei casi in cui per i dipendenti pubblici con disabilità il pensionamento scatta in anticipo. Vediamo quali sono:


Leggi anche: Prestiti con cessione del quinto della pensione: i tassi d’interesse

  • è stato riconosciuto dal medico legale, da parte delle competenti Commissioni, come permanentemente inidoneo allo svolgimento della propria mansione;
  • non è possibile un cambio di mansioni senza che questo porti a un de-mansionamento;
  • questo ha maturato 14 anni, 11 mesi e 16 giorni di contributi se dipendente dello Stato. Nel caso dei dipendenti degli enti locali, quali ad esempio Regioni e province, come pure del comparto Sanità, sono richiesti invece 20 anni di contributi (esattamente ne sono sufficienti 19 anni, 11 mesi e 16 giorni in quanto si arrotonda per eccesso).

Inabilità previdenziale: vale anche nel settore pubblico?

wheelchair-5842414_1920

Tale tipologia di pensionamento è stata introdotta nel 1984, ma solo per i dipendenti del settore privato. Per l’estensione anche al pubblico bisogna attendere invece il 1995.

Vale dunque per quei dipendenti pubblici ai quali è stata riconosciuta dal medico legale l’assoluta e permanente inabilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa. Il requisito principale è quello di aver maturato almeno 5 anni di contributi.

Per accedere a tale tipologia di pensionamento è necessario risolvere il contratto per infermità. I casi in cui questo avviene sono legati all’anzianità, che viene aumentata di un ulteriore periodo compreso tra:

  • età alla cessazione dal servizio e il compimento del limite di età nel sistema retributivo (per coloro che alla data del 31 dicembre 1996 hanno maturato almeno 18 anni di servizio);
  • età alla cessazione dal servizio e il compimento del sessantesimo anno di età nel sistema misto e contributivo (per coloro che alla data del 31 dicembre 1996 non hanno maturato almeno 18 anni di servizio).


Potrebbe interessarti: Bonus Vacanze 2021: come funziona e come usarlo

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica