Pensioni 2022 più alte: quali sono i vantaggi fiscali per i pensionati?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
20/03/2022

La riforma delle pensioni che il governo avrebbe dovuto portare a termine quest’anno è stata rimandata a causa della guerra in Ucraina attualmente in corso. Tuttavia, la riforma Irpef introdotta dalla Manovra ha già portato degli importanti vantaggi fiscali per i pensionati italiani.

money-g8c800bf11_1920Quest’anno il governo avrebbe dovuto portare a termine la riforma delle pensioni, ma l’attuale guerra in Ucraina ha modificato in modo sostanziale l’agenda politica in Italia. Nonostante ciò, l’esecutivo ha intenzione di riprendere in mano l’iter quanto prima.

Nel frattempo, alcune delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022 hanno già apportato delle modifiche alle pensioni, con dei consistenti vantaggi fiscali per alcuni dei pensionati italiani, come reso noto dal ministero dell’Economia.

Pensioni: più alte nel 2022

money-3481757_1920La prima novità introdotta dalla Manovra che ha causato l’aumento degli importi delle pensioni per alcuni dei cittadini Italia è la riforma Irpef, tramite cui gli scaglioni sono stati ridotti da cinque a quattro e sono identici a quelli applicati ai lavoratori dipendenti. Il nuovo sistema di detrazioni Irpef è il seguente:

  • l’aliquota del 23% per coloro con un reddito che non va oltre i 15mila euro;
  • l’aliquota del 25% applicata a redditi compresi tra 15.000 ed i 28mila euro;
  • l’aliquota del 35% per redditi compresi tra 28mila e 50mila euro;
  • l’aliquota del 43% destinata a coloro che presentano un reddito oltre 50.001 euro.

Ma come questa modifica al sistema Irpef ha apportato dei vantaggi ai pensionati italiani?

Il governo ha fatto sapere che, dalle stime medie annuali, i pensionati dovrebbero risparmiare fiscalmente 210 euro ogni dodici mesi.

I pensionati che rientrano nella fascia di reddito più numerosa, quella dei 15-28 mila euro, raggiungono un risparmio annuo pari a 167 euro, mentre coloro che appartengono alla fascia 50-55mila euro potranno vantare di un vantaggio fiscale di 744 euro all’anno. Tuttavia, i pensionati che appartengono a questa fascia sono meno numerosi dell’altra, ossia solo 96mila a fronte dei 4,9 milioni di contribuenti inseriti nella fascia 15-28 mila euro.

A quando la nuova riforma delle pensioni?

money-1005476_1920Il ministero del Lavoro ha fatto sapere che nelle ultime settimane la guerra tra Russia e Ucraina ha provocato un inevitabile rallentamento della riforma delle pensioni, ma che si è pronti a ripartire quanto prima.

L’obiettivo primario è quello di modificare la legge Fornero negli interessi dei pensionati, i quali sono in attesa dei provvedimenti che il consiglio dei ministri e il Parlamento adotteranno in materia di pensioni.