Pensioni, Ape Sociale e Quota 41 attenzione alla scadenza: entro quando fare domanda

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
20/11/2022

Nei prossimi giorni scadrà la possibilità di richiedere l’assegno con Ape Sociale e per lavoratori precoci. Vediamo insieme entro quando presentare domanda per accedere alle due opzione di pensionamento anticipato.

elegant-old-couple-sitting-at-home-and-using-a-laptop-min

Tra pochi giorni scade la possibilità di presentare domanda per ottenere l’assegno con Ape Sociale e per lavoratori precoci.

Come ogni anno la domanda di riconoscimento del diritto alla pensione per i lavoratori precoci (Quota 41) scade il 1 marzo. Per coloro che rientrano in Ape Sociale, il 31 marzo e il 15 luglio. La scadenza è stata fissata al 30 novembre per le domande tardive.

Ape Sociale: quali sono i requisiti

elegant-old-couple-sitting-at-home-and-using-a-laptop-min

L’Ape sociale è un’indennità a carico dello Stato ed erogata dall’Inps a favore dei lavoratori in stato di difficoltà che fanno richiesta per andare in pensione al compimento di 63 anni o che hanno raggiunto i 30 o 36 anni di contributi.

Le categorie che possono beneficiare di Ape sociale sono:

  • disoccupati che hanno cessato integralmente, al momento della domanda, di ricevere le prestazioni per gli ammortizzatori sociali da almeno 3 mesi. Il requisito contributivo è di almeno 30 anni;
  • soggetti con invalidità civile pari o superiore al 74% con almeno 30 anni di contributi;
  • persone che assistono parenti di primo grado con disabilità grave con almeno 30 anni di contributi;
  • lavoratori occupati in attività gravose con almeno 36 anni di contributi.

Per le lavoratrici madri per ogni figlio viene tolto un anno di contributi, fino a un massimo di due anni; di conseguenza, gli anni di contributi richiesti sono 28.

Quota 41: come funziona

smiley-older-couple-waving-at-someone-they-re-talking-to-on-tablet

Quota 41 è l’opzione di pensionamento riservata ai lavoratori precoci e per accedervi è necessario rispettare un requisito indispensabile, ossia quello di aver versato almeno 41 anni di contributi a prescindere dall’età anagrafica. Di questi, almeno 12 mesi devono essere stati versati prima dei 19 anni di età.

Inoltre, come per Ape Sociale, è necessario rispettare una delle condizioni di disagio sociale prima elencate.