Pensioni: chi può andarci con Quota 41?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
17/01/2023

Il governo Meloni ha intenzione di introdurre Quota 41 come meccanismo preferenziale per andare in pensione prima dell’età di vecchiaia. Si stima che sarò possibile andarci già a partire dal 2024. Chi sono i contribuenti fortunati che potranno utilizzare questa possibilità? Vediamolo insieme nel seguente articolo.

Pensione

Il governo sta per intavolare il discorso relativo alla riforma delle pensioni, necessaria per superare la Legge Fornero. Tra le opzioni al vaglio , si spinge forte per Quota 41, che ha maggior gradimento tra i partiti della coalizione. A differenza del recente passato, questa volta la proposta dei sindacati troverà i favori del governo: Quota 41 per tutti è da tempo nei piani della Lega, con l’obiettivo di estenderla a tutti entro la fine della legislatura.

Quota 41 selettiva: cosa significa?

Pensione

Tra le opzioni in essere vi è quella di una Quota 41 che sia selettiva: ma cosa significa esattamente? Si tratta di far accedere all’opzione pensionistica solo alcune categorie di contribuenti, che in precedenza erano i precoci. Ora si vuole premiare quelli che sono i lavori che svolgono mansioni gravose.

Stando a quanto stimato dal governo, si tratterebbe di una prima platea di 10 mila persone, ma difficile che i sindacati daranno il via libera a riguardo visto che le aspettative sono più alte. E’ possibile dunque he venga riformulata l’offerta dell’esecutivo, ma è difficile credere che sia tutto pronto già per il 2024.

Quota 41: via con calcolo contributivo?

leisure-of-pensioners-min (1)

La prima bozza di legge su Quota 41 prevedeva un inserimento totale del calcolo contributivo dei contributi dei futuri pensionati. I sindacati però hanno sempre fatto resistenza a riguardo, in quanto si andrebbe a penalizzare eccessivamente coloro che andranno in pensione con Quota 41, già penalizzati a livello economico.

Nel dettaglio, senza ricalcolo interamente contributivo, per lavoratori e lavoratrici che ricorrono a Quota 41 si stima, secondo i calcoli effettuati dal Corriere della Sera, rispettivamente un 12% e 9% in meno.