Pensioni: cosa cambia per le domande online di riscatto e ricongiunzione

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
25/09/2022

L’Inps ha comunicato di aver semplificato la procedura di presentazione della domanda online per riscatto e ricongiunzione. Vediamo insieme cosa cambia.

freelance-young-businesswoman-casual-wear-using-laptop-working-in-living-room-at-home-min

L’Inps ha reso noto tramite la circolare n.101/2022 di aver migliorato il servizio online per la presentazione delle domande di riscatto e di ricongiunzione dei periodi assicurativi.

Da adesso in poi, gli interessati potranno visualizzare le domande teoricamente disponibili sulla base della propria situazione contributiva e saranno guidati alla finalizzazione delle stesse.

Pensioni: le novità del servizio online

close-up-of-male-hands-typing-on-laptop-keyboard

L’Inps ha dichiarato di aver ulteriormente migliorato il servizio online che dallo scorso anno consente ai cittadini di inoltrare direttamente le domande di riscatto ai fini pensionistici e di ricongiunzione dei periodi contributivi da parte degli iscritti a tutte le gestioni amministrate dall’ente previdenziale (settore privato e pubblico).

In caso di anomalie o mancanze dell’estratto conto, il cittadino dovrà segnalarlo prima di inoltrare la domanda.

Riscatti Online

Per poter accedere al servizio, è necessario innanzitutto essere in possesso di PIN dispositivo, SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica). Dopo di che, bisogna seguire i seguenti passaggi: “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Portale riscatti -ricongiunzioni”. Altrimenti la domanda può essere presentata tramite patronato.

Dopo aver superato la fase di autenticazione, la home page dell’applicazione consente di accedere alle schermate “Home Riscatti” e “Home Ricongiunzioni”.

Servizio Personalizzato

La novità principale consiste nel fatto che il cittadino, prima di presentare la domanda, dovrà controllare il proprio estratto conto contributivo verificandone la correttezza e la completezza. Se non rileva errori o inesattezze il sistema rappresenterà automaticamente le tipologie di prestazioni disponibili (riscatto ordinario / riscatto agevolato / computo / ricongiunzione) sulla base della propria carriera assicurativa sollevando l’utente dall’indicazione di altri parametri.

Qualora l’utente desideri effettuare una richiesta di trasferimento contributivo diversa da quelle proposte, può decidere di procedere con la “Scelta manuale richiesta trasferimenti contributi o servizi”.

In caso di anomalie nell’estratto conto (es. la mancanza di alcuni periodi di lavoro) l’Inps consiglia di presentare una RVPA (richiesta di variazione della posizione assicurativa) per i dipendenti pubblici oppure di FASE (fascicolo elettronico delle segnalazioni) per gli iscritti alla gestione privata.