Pensioni, Opzione donna e Ape sociale prorogati: a chi spettano e come funzionano

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/10/2021

Nella prossima Legge di Bilancio dovrebbe esserci la proroga per il 2022 di Ape sociale e Opzione donna, la misura di pensione anticipata rivolta alle lavoratrici dipendenti o autonome in possesso di determinati requisiti. Vediamo nel dettaglio chi può beneficiare di questi programmi e come funzionano.

couple-g518aaec15_1920

L’Opzione donna dovrebbe essere confermata anche per il 2022. La prossima Legge di Bilancio, infatti, conterrà con ogni probabilità la proroga della misura di pensione anticipata destinata alle lavoratrici dipendenti o autonome in possesso di determinati requisiti anagrafici e contributivi.

Stesso destino dovrebbe toccare all’Ape sociale, l’altra tipologia di pensione anticipata presente nel nostro ordinamento.

Vediamo nel dettaglio le ultime novità sulle due misure.

Opzione donna estesa al 2022

sad-frustrated-senior-woman-pensioner-having-depressed-look-holding-hand-on-her-face-calculating-family-budget-sitting-at-kitchen-counter-with-laptop-papers-coffee-calculator-and-cell-phone-min

La Legge di Bilancio dovrebbe prorogare per il 2022 l’Opzione donna, il programma di pensione anticipata destinato alle lavoratrici dipendenti e autonome in possesso dei seguenti requisiti anagrafici e contributivi:

  • aver compiuto 58 anni di età in caso di lavoratrice dipendente;
  • aver compiuto 59 anni di età in caso di lavoratrice autonoma;
  • le lavoratrici dipendenti devono aver cessato il rapporto di lavoro;
  • avere versato almeno 35 anni di contributi.

Di conseguenza, la platea di potenziali beneficiarie dell’Opzione donna nel 2022 comprenderebbe:

  • le lavoratrici dipendenti nate tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 1963;
  • le lavoratrici autonome nate tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 1962.

Proroga anche per l’Ape sociale

wheelchair-g3cb294c8e_1920

Al pari dell’Opzione donna, anche l’Ape sociale dovrebbe essere confermato per il 2022.

Ricordiamo che l’Ape sociale è un trattamento di pensione anticipata che permette di congedarsi a 63 anni con 30 o 36 anni di contributi (a seconda della categoria di appartenenza) o che funge da scivolo alla pensione di vecchiaia a 67 anni.

Nel dettaglio, potranno accedere all’Ape sociale nel 2022:

  • i disoccupati che, al momento della domanda, hanno smesso di ricevere le prestazioni per gli ammortizzatori sociali da almeno 3 mesi (il requisito contributivo è di almeno 30 anni);
  • i soggetti con invalidità civile pari o superiore al 74% con almeno 30 anni di contributi;
  • le persone che assistono parenti di primo grado con disabilità grave con almeno 30 anni di contributi;
  • i lavoratori occupati in attività gravose con almeno 36 anni di contributi.

L’Ape sociale viene riconosciuto per 13 mensilità e non può superare i 1.500 euro mensili.