Pensioni, pubblicati i dati Inps: beneficiari e importi

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/10/2022

Sono stati pubblicati dall’INPS i dati aggiornati a dicembre 2021 relativi alle pensioni e dai quali è emerso che i beneficiari dei trattamenti pensionistici sono aumentati del 3,6 per cento rispetto al 2020 e che la maggior parte sono rivolti alle donne anche se gli uomini percepiscono un importo medio dei redditi maggiore.

retirement-plan-insurance-benefits-healthcare-concept

L’INPS ha aggiornato i dati sulle pensioni dell’Osservatorio al 31 dicembre 2021 e dall’aggiornamento risulta che sono oltre 16 milioni i beneficiari di prestazioni pensionistiche nel 2021, in aumento del 3,6 per cento rispetto al 2020.

Le prestazioni sono 22.758.797 (+0,2 per cento rispetto al 2020), per un ammontare complessivo annuo di 313 miliardi (+1,7 per cento rispetto al 2020).

Pensioni: più donne ma assegno minore

elegant-old-couple-sitting-at-home-and-using-a-laptop-min

Nello specifico, i beneficiari di prestazioni pensionistiche nel 2021 sono 16.098.748, con una media di 1,4 pensioni a testa, anche di diverso tipo: il 68 per cento percepisce una sola prestazione, mentre il 32 per cento ne percepisce due o più; in particolare, il 24 per cento dei beneficiari percepisce due prestazioni, il 75 per cento tre e l’1 per cento quattro o più.

Le donne rappresentano la quota maggioritaria sul totale dei pensionati (il 52 per cento), tuttavia gli uomini percepiscono il 56 per cento dei redditi pensionistici in quanto l’importo medio dei redditi percepiti dalle donne è inferiore rispetto a quello degli uomini del 27 per cento (16.501 contro 22.598 euro).

Il 78 per cento delle pensioni sono di tipo IVS (invalidità, vecchiaia, superstiti), mentre le assistenziali (invalidità civili, assegni e pensioni sociali, pensioni di guerra) costituiscono il 19 per cento del totale; il rimanente 3 per cento  circa è rappresentato dalle prestazioni di tipo indennitario, costituite dalle rendite Inail.

Il gruppo più numeroso di pensionati è quello dei titolari di pensioni di vecchiaia: sono 11.263.961, di cui 3.131.469 (il 28 per cento) sono anche titolari di trattamenti di altro tipo.

I pensionati di invalidità previdenziale sono circa un milione, il 49 per cento dei quali cumula pensioni di tipo diverso. I titolari di pensioni ai superstiti sono 4.276.943; circa un terzo (il 33 per cento ) percepisce solo pensioni ai superstiti, mentre il restante 67 per cento percepisce anche pensioni di altro tipo.