Pensioni: quali contribuenti rischiano di non andarci mai?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
26/08/2021

Se il sistema pensionistico italiano dovesse rimanere quello attuale alcuni contribuenti rischierebbero di non andare mai in pensione. Tale allarme deve far riflettere gli addetti ai lavori, che devono trovare una soluzione al più presto, onde evitare di dover spendere moltissimi soldi pubblici.

sad-frustrated-senior-woman-pensioner-having-depressed-look-holding-hand-on-her-face-calculating-family-budget-sitting-at-kitchen-counter-with-laptop-papers-coffee-calculator-and-cell-phone-min

Ad oggi, con le condizioni del sistema pensionistico italiano, ci sono molte persone che rischiano di andare in pensione molto tardi o addirittura di non andarci mai. Ciò è dovuto al costante aumento dei pensionati che rientrano nel sistema contributivo puro.

Ciò potrebbe voler dire meno spese previdenziali, ma sicuramente vi sarebbero più spese assistenziali: cerchiamo dunque di capire quali sono le persone che rischiano di non andare mai in pensione.

Pensioni: rischia di non prenderla chi ha pochi anni di contibuti versati

Old people making photo selfie vector illustration

In Italia ci sono moltissimi lavoratori che non hanno un regolare contratto di lavoro, i cosiddetti lavoratori in nero. Queste persone cono circa 3 milioni e stanno lavorando senza garantirsi alcuna tutela previdenziale per il futuro: in pratica è come se non stessero lavorando per nulla. Ciò porta il rischio di non raggiungere mai gli anni di contributi utili per andare in pensione ad un’età accettabile.


Leggi anche: Si può andare in pensione a 65 anni?

Per coloro che hanno iniziato a maturare i contributi a partire dal 1° gennaio 1996, il minimo dei contributi versati deve essere di 20 anni, in alcuni casi 15 sfruttando l’Opzione Dini, che permetterebbe di richiedere la pensione di vecchiaia allo scadere dei 67 anni di età.

Rischia di non andare mai in pensione anche chi perde il lavoro in età avanzata

attractive-experienced-sixty-year-old-man-accountant-holding-papers-having-concentrated-focused-look-while-working-on-financial-report-sitting-at-desk-using-laptop-people-lifestyle-and-technology-min

Ipotizzando una persona che si è trovata a perdere il lavoro all’età di 60 anni, ma è comunque riuscita a maturare i 20 anni minimi di contributi versati, basterà attendere i 67 anni per poter chiedere la pensione per vecchiaia.

Per coloro, invece, che non sono riusciti a maturare i 20 anni, trovare lavoro in età avanzata è una missione quasi impossibile, dunque è per questi soggetti che il Governo dovrebbe trovare una sorta di tutela legale, onde evitare che si trovino un giorno senza lavoro e senza pensione.