Pensioni: quando conviene il riscatto della laurea?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
06/01/2023

Il riscatto della laurea consente di anticipare la pensione trasformando gli anni durante i quali si è frequentata l’università in anni di contributi. Ma quando conviene riscattare la laurea? Scopriamolo insieme.

certificate-with-ribbon-bow-books

Il riscatto agevolato della laurea consente di trasformare gli anni dell’università in anni di contributi e in questo modo è possibile ottenere la pensione prima del previsto.

L’Inps ha messo a disposizione un simulatore che permette di valutare gli effetti del riscatto della laurea sulle future pensioni e recentemente il servizio online è stato aggiornato. Vediamo insieme come funziona.

Riscatto della laurea: come funziona il simulatore

mortar-board-graduation-diploma

Si tratta di un servizio gratuito e a libero accesso, pertanto è utilizzabile senza inserire precedentemente alcun tipo di credenziali, username o password.

I risultati derivati dalla simulazione vengono derivati esclusivamente dalle informazioni che verranno fornite dall’utente sul portale in forma del tutto anonima e permettono di valutare i possibili vantaggi fiscali derivanti dal riscatto della laurea.

Nel caso in cui si abbia necessità di ottenere stime più precise, è possibile utilizzare le proprie credenziali digitali, SPID, CIE o CNS, che consentono di accedere ai dati personali presenti negli archivi dell’Inps.

La versione rinnovata del simulatore, spiega l’Inps, integra anche il calcolo del riscatto con il criterio della riserva matematica. È stata aggiunta anche la funzione che consente di effettuare una valutazione degli effetti di un eventuale passaggio al sistema contributivo rispetto al computo del riscatto.

Cos’è il riscatto della laurea

close-up-graduate-student-holding-cap

Per poter riscattare la laurea, è necessario aver conseguito il titolo di studio ma non è possibile riscattare gli anni fuori corso o quelli già coperti da contribuzione obbligatoria. Il costo del riscatto agevolato si aggira attorno ai 5.200 euro per ogni anno riscattato, per un totale che oscilla tra i 21 e i 26mila euro, in base agli anni recuperati.

Il riscatto agevolato è valido anche per i lavoratori che si sono laureati prima del 1996 e hanno optato per il metodo contributivo e per coloro che hanno studiato dopo il 1995.

La domanda per il riscatto della laurea deve essere presentata sul sito dell’Inps, mentre per quanto riguarda l’importo, quest’ultimo può essere versato in un’unica soluzione o in un massimo di 120 rate mensili, senza interessi. Il pagamento può essere fatto tramite pagoPA o addebito diretto sul conto.