Pensioni: quanto prenderà chi ci va nel 2023?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
11/01/2023

Si avvicina per molti il momento tanto atteso del ritiro dal mondo del lavoro, con la meritata pensione. Il 2023 sarà un anno ricco di novità, a partire dalla rivalutazione elevata degli assegni mensili. Quanto potrà infatti guadagnre chi va in pensione nel 2023? Cerchiamo di capirlo insieme nel seguente articolo.

Pensione

Quanto prenderà di pensione colui che ci andrà nel corso del 2023? Pr fare questo calcolo bisogna tenere a mente come viene calcolata la pensione di solito, Esistono due sistemi:

  • sistema misto, dove la parte di contributi accreditata entro il 31 dicembre 1995 viene calcolata con il sistema retributivo e quella successiva con il contributivo.
  • esclusivamente con il contributivo per coloro che non hanno contributi versati entro il 31 dicembre 1995.

Vediamo quanto spetterà a chi va in pensione nel 2023.

Pensione 2023: come si calcola la quota retributiva?

sad-frustrated-senior-woman-pensioner-having-depressed-look-holding-hand-on-her-face-calculating-family-budget-sitting-at-kitchen-counter-with-laptop-papers-coffee-calculator-and-cell-phone-min

Vediamo in primis come si calcola la quota retributiva spettante ai pensionati che ci andranno nel 2023. Ad avere la parte retributiva saranno coloro che potevano vantare 18 anni di contributi entro la fine del 1995, si applica il sistema di calcolo retributivo. Tale sistema di calcolo è vantaggioso per il lavoratore in quanto tiene maggiormente conto degli ultimi anni, quelli in cui si guadagna di più.

Per calcolare la quota, si fa una media delle migliori retribuzioni percepite negli ultimi anni, e si va poi a prendere il 2% di questa parte.

Pensione 2023: come si calcola la quota contributiva?

Pensione

Vediamo ora in che modo si può calcolare la quota contributiva spettante. In questo caso, come si evince dal nome stesso, viene data maggior importanza ai contributi versati effettivamente. Nel corso della carriera questi vengono versati nel montante contributivo, il quale ogni anno viene rivalutato ad u determinato tasso di rivalutazione.

I coefficienti di rivalutazione cambiano ogni anno ma sono fondamentali in quanto tramutano il montante in pensione. Questo è più alto, tanto quanto sarà più alta l’età in cui un lavoratore sceglie di ritirarsi.