PNRR: come cambia il Superbonus?

Il Superbonus al 110% sembra destinato a diventare un ricordo per gli italiani con l’avvento del governo Meloni. Nel Piano nazionale ripresa resilienza (Pnrr), nuovi criteri cambiano radicalmente la dinamica del Superbonus, che dal 2024 scenderà al 70%, per poi ridursi ulteriormente al 60%. Le novità principali riguardano l’ammontare dei fondi e le modalità di erogazione.

Il governo ha destinato 1,38 miliardi di euro per il nuovo Superbonus, che non sarà più erogato tramite detrazioni fiscali, bensì attraverso società di servizi energetici (Esco). Queste società, in accordo con un partner operativo da individuare, eseguiranno direttamente i lavori di ristrutturazione sulle abitazioni.

Nuovi fondi Superbonus: cosa cambia?

Di questi fondi, 460 milioni di euro saranno destinati alle famiglie più povere per il rinnovo degli appartamenti nei condomini. Questa misura sostituirà le detrazioni fiscali e gli sconti in fattura, rendendo il vecchio Superbonus impraticabile per le famiglie a basso reddito.

Nuovo Superbonus: quando entrerà in vigore?

Il nuovo Superbonus entrerà in vigore all’inizio del 2025, quando l’aliquota della detrazione fiscale sarà al 60%. Il governo dovrà definire entro la metà del prossimo anno il meccanismo finanziario, i criteri di intervento e il partner operativo. Tuttavia, le risorse dovranno essere valutate dall’Unione Europea, garantendo un controllo indipendente sulla decisione finale degli investimenti.

A chi spetta il nuovo Superbonus?

L’iniziativa non sarà rivolta solo alle famiglie, ma includerà anche cantieri per la Pubblica Amministrazione, centri sportivi, edilizia residenziale pubblica, luoghi culturali, ospedali, caserme, scuole, università e chiese. L’obiettivo a medio e lungo termine rimane la riduzione dei consumi energetici e l’efficientamento del patrimonio edilizio nazionale.

Qual è il fine del nuovo Superbonus?

Il nuovo sistema di incentivi si prefigura come un tassello importante per promuovere lavori di efficientamento energetico e sicurezza sismica su larga scala.

Lascia un commento