Pos: conviene utilizzarlo al posto del contante?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
21/12/2022

Conviene utilizzare il Pos? Uno studio di Bankitalia ha evidenziato che il costo del Pos non sempre è svantaggioso rispetto al cash, come purtroppo molti esercenti credono. In percentuale del valore della transazione, il costo privato del contante risulta più elevato a causa dei maggiori oneri legati alla sicurezza. Approfondiamo insieme la vicenda.

payment-with-credit-card-businessman-holding-pos-terminal-pay-min

Costa di più il contante o il Pos? Il tema è caldissimo in questi giorni a causa della volontà del governo di mettere un nuovo limite ai pagamenti Pos. Stando alla ricerca effettuata da Bankitalia, sembra che il contante abbia delle spese in percentuale superiori rispetto all’uso del Pos.

Vediamo cosa è emerso dallo studio e quali potrebbero essere le conseguenze sul nuovo decreto.

Pos: quanto costano le commissioni?

pagamento-carta-contactless-bancomat-bancoposta

A spaventare gli esercenti sono le commissioni bancarie che si vanno a pagare per i pagamenti Pos. Queste infatti compongono circa l’80/90% dei costi totali per il pagamento con le carte. Scendono gli  oneri gestionali interni di riconciliazione grazie alla contestualità tra il pagamento e l’emissione della ricevuta o scontrino fiscale.

Aleggia ancora molta incertezza su quello che sarà: il governo è al lavoro per alzare l’asticella al di sotto della quale non sarà obbligatorio avere il Pos, ma non trova il favore dell’UE.

Pos: fa effettivamente risparmiare?

pos-terminal-in-the-shop-ready-for-work-min

Il Pos, da sempre visto come uno strumento da non utilizzare da parte di alcuni esercenti, potrebbe essere uno dei driver essenziali che portano al risparmio. Questo in quanto, a partire dal 2009, i costi di accettazione delle carte sono diminuiti moltissimo, rendendo il sistema di pagamento sempre più appetibile e diffuso.

Ad oggi, i pagamenti con il Pos sono molto diffusi per importi in media di 50-70 euro a seconda della tipologia di esercente cui ci si riferisce. I risultati dell’indagine fanno rilevare un risparmio complessivo di risorse dedicate alla produzione e all’utilizzo di mezzi di pagamento per effetto della graduale migrazione verso strumenti elettronici .