Quoziente familiare: cos’è e come funziona

Con l’approvazione del Decreto Aiuti Quater, D.L. 18 novembre 2022, n. 176, l’attuale governo italiano ha riportato alla luce il concetto di Quoziente familiare. Vediamo insieme di cosa si tratta.

top-view-hands-with-paper-cut-family-min (1)

Il Quoziente Familiare è un sistema di calcolo delle imposte che tiene conto dei redditi familiari e del numero di componenti del nucleo familiare, mentre l’ISEE è un indicatore utile per accedere a bonus e agevolazioni e tiene conto sia del reddito che del patrimonio del nucleo familiare.

Vediamo insieme nel dettaglio cos’è e come funziona il quoziente familiare.

Quoziente familiare: cos’è

composition-for-family-concept-on-blue-background-min

Il Quoziente Familiare è un sistema di calcolo delle imposte che tiene conto dei redditi della famiglia, senza considerare il patrimonio. Il Quoziente Familiare si differenzia dall’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), che tiene conto sia del reddito che del patrimonio del nucleo familiare, ed è utile per accedere a bonus e agevolazioni.

Come si calcola il quoziente familiare

Il calcolo del Quoziente Familiare richiede di determinare il reddito di riferimento, ottenuto dividendo la somma dei redditi del contribuente e dei familiari per un coefficiente variabile in base al numero di componenti del nucleo familiare.

Il numero di parti considerato dipende dal numero di familiari a carico: se il nucleo familiare è costituito da un solo contribuente, il numero di parti è 1, con coniuge e convivente diventa 2, con un familiare a carico l’aggiunta sarà dello 0,5, con due familiari sarà di +1, e con tre o più familiari sarà di +2. Se il nucleo familiare ha più di tre figli o ha figli disabili a carico, la parte massima sarà 4.

Applicazione sull’imposta IRPEF

L’applicazione del sistema di calcolo del Quoziente Familiare sull’imposta IRPEF (reddito delle persone fisiche) avvantaggia i nuclei familiari con un maggior numero di componenti, poiché a parità di reddito avranno un’imposta minore. Tuttavia, il guadagno aumenta al crescere del reddito, il che significa che le famiglie con redditi più alti avranno vantaggi maggiori rispetto ai nuclei economicamente più “poveri”.

Inoltre, se l’aliquota IRPEF viene applicata all’intero reddito del nucleo familiare, e non a quello personale di ogni componente, non viene più differenziata in base al guadagno del singolo. Ciò disincentiva il coniuge o il familiare che guadagna meno a svolgere un’occupazione.

Il meccanismo di splitting

Il sistema della tassazione per parti è un meccanismo che deve garantire lo stesso ammontare di risorse prima e dopo il versamento delle imposte, mettendo in atto un meccanismo di splitting che divide la somma dei redditi familiari per il coefficiente calcolato in base al numero di componenti del nucleo familiare.

Lascia un commento