Recovery Fund: le riforme da approvare entro il 31 dicembre

26/09/2021

Si prospettano mesi autunnali decisamente caldi sul fronte delle riforme: molte sono quelle al vaglio, da quella fiscale a quella pensionistica, passando per il Reddito di Cittadinanza. Dovranno essere sistemate anche le riforme idonee per ottenere i fondi del Recovery Fund.

mario-draghi-chi-è-biografia-premier-incaricato

I mesi autunnali, si sa, sono sempre i più caldi in ambito politico, in quanto molti sono gli adempimenti da fare, a partire dalla Legge di Bilancio.

Quest’anno si è aggiunta la mole di riforme derivante dal PNRR, senza le quali non sarà possibile accedere ai fondi messi sul piatto dal Recovery Fund.

Le riforme da attuare in 100 giorni sono ben 42 e sta tutto nelle abili mani del Premier Draghi.

Recovery Fund: è tempo di attuare le riforme

PNRR-Next-Generation-EU-200

 

Dopo aver mostrato all’UE tramite il PNRR di aver messo su carta tutte le riforme richieste per ricevere i ghiotti fondi del Recovery Fund, è tempo per il Governo di passare ai fatti e di mettere in atto i provvedimenti.


Leggi anche: Cashback: rimborsi entro il 1 marzo

La sfida in arrivo è quella di spendere al meglio i 196 miliardi che arriveranno dall’Europa.

Inoltre, il cospicuo fondo in arrivo non è affatto un pensiero gentile dell’UE: sono soldi che andranno restituiti, ecco perchè le riforme e gli investimenti che si faranno dovranno essere trasparenti e ben fatti. La verità la scopriremo nei prossimi sette anni, fino al 2026, anno in cui si tireranno le somme.

Le riforme più importanti da fare

Unione, Europea

Come detto, le riforme da fare dovranno essere attuate in ottica di una futura restituzione delle somme otttenute.

Gli obiettivi da centrare da qui alla fine dell’anno sono ben 42: il primo in ordine di tempo è la riforma del processo penale, che snellirà il procedimento e dimezzerà i tempi. In seguito, le riforme più attese sono quelle del Fisco, delle Università e delle pensioni.

Con questi provvedimenti il Governo dovrà convincere l’UE della sua affidabilità, così da fare in modo di ottenere le somme stanziate dal Recovery Fund.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica