Reddito di Cittadinanza 2022: addio al mese di sospensione?

08/09/2021

Sul fronte Reddito di Cittadinanza c’è una novità importante: dal 2022, infatti, potrebbe essere interrotto il mese di sospensione che si applicava per il rinnovo. Tale proposta ovviamente varrebbe solo per alcuni beneficiari: scopriamo insieme quali.

LA CARD DEL REDDITO DI CITTADINANZATESSERA

Gli addetti ai lavori stanno valutando di eliminare il mese di sospensione dopo i primi 18 mesi di erogazione del RdC.

Tale stop era previsto per permettere di rinnovare l’erogazione, ma per alcuni nel 2022 sarà possibile ottenere il Reddito di Cittadinanza per 36 mesi consecutivi. Va da sè che tale misura sarà applicabile solo a determinate categorie di beneficiari.

Quel che è certo è che il RdC sta avviando il suo processo di riforma e nel breve periodo bisognerà sicuramente attendersi novità.

Reddito di Cittadinanza: chi non avrà la sospensione nel 2022?

businessman-checking-documents-at-table-min

La nuova misura che potrebbe essere applicata, ovviamente, sarà disponibile solo per alcune categorie di beneficiari. Ricordando che per il momento si tratta solamente di una possibilità, si sta valutando di togliere il mese di sospensione alle famiglie con minori a carico.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza giugno 2021: scadenze e pagamenti

Questo permetterebbe di usufruire del Reddito per i primi 36 mesi in maniera ininterrotta, quando in origine, dopo i primi 18 mesi, serviva un mese di stop per richiedere altre 18 mensilità.

Non si tratterebbe, tuttavia, di una convenzione: è previsto nel decreto che lo ha attuato, dunque per modificarlo andrebbe cambiato il corpus delle norme.

Altre possibili novità sul RdC

arton112566

Vi sono molte altre proposte di riforma del RdC provenienti dalla parte politica che ancora crede nella sua utilità. Alcune di queste sono:

  • una modifica della scala di equivalenza, favorendo le famiglie numerose con minori;
  • una modifica della quota riservata all’affitto per i beneficiari del Nord dove il costo della vita è più alto;
  • una riduzione da 10 a 5 anni del requisito di residenza previsto per gli stranieri.

La linea è quella di sostenere con più forza i nuclei familiari più numerosi e bisognosi e, allo stesso tempo, dar man forte agli stranieri in difficoltà.

 

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica