Reddito di cittadinanza 2022: cos’è e come funziona il Patto per il lavoro

Sono diversi i quesiti a cui il comitato scientifico di valutazione del Reddito di Cittadinanza ha risposto, tra cui quello relativo alla definizione del Patto per il lavoro. Vediamo insieme cosa ha risposto in merito il comitato.

reddito-di-cittadinanza

Il comitato scientifico di valutazione del Reddito di Cittadinanza ha redatto alcune schede tematiche che rispondo a dieci delle più diffuse domande sul sussidio, dall’equilibrio e il nesso tra i due obiettivi del Reddito agli obblighi di chi lo riceve fino al rapporto tra percepimento del Reddito e l’occupazione.

Vediamo insieme qual è stata la risposta a proposito del quesito relativo alla definizione del Patto per il lavoro.

Reddito di cittadinanza 2022: cos’è il Patto per il lavoro e come funziona?

reddito-di-cittadinanza

Il Patto per il lavoro consiste in un percorso di accompagnamento all’inserimento lavorativo che il percettore del Reddito di cittadinanza stipula con i Centri per l’impiego (CpI) o con le agenzie private accreditate. Tale contratto prevede obblighi e impegni relativi sia alla ricerca attiva di lavoro sia all’accettazione di eventuali offerte di lavoro.

Rispetto alla ricerca attiva occorre:

  • consultare quotidianamente la piattaforma per l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro;
  • verificare la presenza di nuove offerte, secondo le ulteriori modalità definite nel patto per il lavoro;
  • accettare di essere avviato alle attività individuate nel patto per il lavoro;
  • sostenere colloqui psicoattitudinali e eventuali prove di selezione finalizzate all’assunzione
  • presentarsi con frequenza almeno mensile al CpI.

In relazione alle offerte di lavoro occorre accettare almeno una delle offerte di lavoro definite congrue in base alla coerenza con le esperienze e le competenze maturate, alla retribuzione connessa con il posto di lavoro e alla distanza dalla residenza. In particolare, il primo posto di lavoro offerto non deve distare più di 80 km dalla residenza del beneficiario e comunque deve essere raggiungibile in non più di 100 minuti con i mezzi pubblici; per la seconda offerta non vi sono limiti di distanza nel territorio nazionale, a meno che il contratto sia temporaneo o a tempo parziale.

Quando viene revocato il RdC

reddito-1200-1

In caso di rifiuto di entrambe le offerte, consegue la revoca del Reddito di Cittadinanza, e in assenza di giustificato motivo, la medesima sanzione si applica anche in caso di:

  • mancata presentazione con frequenza mensile presso il CpI;
  • mancata accettazione di almeno una delle due offerte di lavoro congrue ovvero, in caso di rinnovo del
    beneficio, della prima offerta di lavoro congrua;
  • rifiuto di aderire ai progetti di utilità collettiva dei Comuni (PUC);
  • mancata partecipazione alle iniziative di attivazione lavorativa;
  • reiterata mancata partecipazione alle iniziative di orientamento anche di un solo componente il nucleo familiare.

Lascia un commento