Reddito di cittadinanza 2022, tagli agli invalidi: cosa sta succedendo?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
25/05/2022

Negli ultimi mesi i percettori del Reddito di cittadinanza e della pensione di invalidità hanno subito un taglio dell’importo del primo piuttosto consistente, nella maggior parte dei casi. Ma per quale motivo? E come ha intenzione di muoversi il governo a tal proposito?

reddito-di-cittadinanza

Coloro che percepiscono sia il Reddito di cittadinanza che la pensione di invalidità si sono visti decurtare l’importo del primo in quest’ultimi mesi. Il motivo risiede nel cosiddetto “adeguamento al milione“, tramite il quale sono stati aumentati gli importi delle pensioni percepite dagli invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi. Tuttavia, questi aumenti concorrono al calcolo dell’Isee e di conseguenza hanno degli effetti anche sul Reddito di cittadinanza.

Vediamo cosa sta succedendo in merito in quest’ultimi giorni.

Reddito di cittadinanza 2022: decurtato l’importo per gli invalidi

Volunteers helping disabled friends in outdoor walking

Il Reddito di cittadinanza e la pensione di invalidità sono cumulabili, tuttavia l’importo del primo può cambiare in base alla situazione familiare indicata dall’ISEE, che può essere a sua volta influenzata dall’aumento (o dalla diminuzione) dell’importo della pensione di invalidità.

La condizione precedentemente descritta ha portato a una diminuzione del Reddito di cittadinanza per gli invalidi negli ultimi mesi. Infatti, a causa del cd. adeguamento al milione, gli importi delle pensioni di invalidità sono aumentate e ciò ha comportato di conseguenza un effetto di rialzo sull’ISEE, soprattutto nella seconda parte del 2022, che a sua volta ha inciso negativamente sul Reddito di cittadinanza.

Ad essere coinvolte sono decine di migliaia di persone: stando agli ultimi dati Inps, i nuclei percettori di reddito o pensione di cittadinanza al cui interno ci sono persone disabili ammontano ad oltre 200mila.

La petizione FISH e la mozione di Nugnes

reddito cittadinanza

La Federazione italiana per il superamento dell’handicap nelle settimane scorse aveva promosso una proposta di emendamento al Decreto sostegni ter, ma che purtroppo è rimasta inascoltata dal governo Draghi.

Recentemente, è rimasto in piedi solo un ordine del giorno, seguito il 23 maggio da una mozione a prima firma Nugnes.