Reddito di Cittadinanza 2022, taglio di 5 euro al mese: quando e come si applica

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
01/11/2021

Nella bozza della prossima Legge di Bilancio sono presenti importanti novità sul Reddito di Cittadinanza, la misura più discussa degli ultimi mesi. A partire dal 1° gennaio 2022, infatti, verrà applicata una riduzione dell’importo erogato pari a 5 euro ogni mese: vediamo nel dettaglio chi è interessato al taglio e come funziona.

LA CARD DEL REDDITO DI CITTADINANZATESSERA

Dal 1° gennaio 2022 gran parte dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza vedranno ridursi la propria ricarica sulla carta RdC di 5 euro ogni mese.

La novità è contenuta nella bozza della prossima Legge di Bilancio che verrà approvata entro dicembre. Non mancano, ovviamente, le eccezioni: vediamo più da vicino chi sarà colpito dal taglio e come funziona nel dettaglio il meccanismo di riduzione del Reddito di Cittadinanza.

Reddito di Cittadinanza: dal 1° gennaio taglio di 5 euro al mese

money-1439125_1920

Novità importanti per il Reddito di Cittadinanza nella futura Legge di Bilancio. Nella bozza del provvedimento, infatti, è previsto dal 1° gennaio 2022 un taglio mensile pari a 5 euro dell’importo erogato.

La riduzione decorre dal 6° mese di fruizione del Reddito e si protrae anche dopo il rinnovo effettuato in seguito alla scadenza delle prime 18 mensilità.

Di conseguenza, coloro che alla data del 1° gennaio 2022 percepiscono il Reddito di Cittadinanza da almeno 6 mesi cominceranno a subire un taglio di 5 euro su ogni ricarica futura. Specifichiamo che la disposizione non è retroattiva: chi percepisce il contributo da più di 6 mesi non si vedrà sottrarre i 5 euro per le mensilità arretrate.

Taglio Reddito di Cittadinanza: come funziona

reddito-1200-1

Ma come funziona il meccanismo di riduzione del Reddito di Cittadinanza? Nella bozza della Legge di Bilancio viene specificato come l’importo del sussidio erogato per la singola persona non può comunque scendere al di sotto dei 300 euro.

Il taglio, quindi, non si applica dal principio a coloro che percepiscono un Reddito di Cittadinanza inferiore a 300 euro.

Per quanto riguarda i nuclei familiari più numerosi, la soglia dei 300 euro va moltiplicata per il relativo parametro di scala di equivalenza. Partendo da un valore pari a 1 associato al richiedente, si somma:

  • 0,4 per ogni altro componente maggiorenne;
  • 0,2 per ogni altro componente minorenne.

Per esempio, su una famiglia composta da due persone maggiorenni (di cui una richiedente) e un minorenne il limite è di 540 euro.

Taglio Reddito di Cittadinanza: le eccezioni

office-with-documents-and-money-accounts (2)-min

In alcuni casi, tuttavia, il taglio non si applica a prescindere. Sono esenti dalla riduzione del Reddito di Cittadinanza:

  • i nuclei familiari con almeno un minore di età inferiore ai 3 anni;
  • i nuclei familiari in cui è presente almeno una persona con disabilità grave o non autosufficiente;
  • i nuclei familiari composti solamente da persone esonerate o escluse dal percorso di politica attiva.