Reddito di Cittadinanza: chi lo riceve in anticipo a Gennaio?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
13/01/2023

Chi riceverà il Reddito di Cittadinanza in anticipo nel mese di Gennaio2 2023? Come mai c’è chi ha questo beneficio? Stando alle ultime notizie per molti beneficiari il pagamento potrebbe essere anticipato nel corso della settimana in corso, ma non per tutti. Vediamo chi sono coloro che lo riceveranno prima e come mai.

reddito-di-cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza potrebbe essere pagato prima del previsto, ovvero nella settimana corrente, per alcuni beneficiari. Chi invece non rientra tra i fortunati per i requisiti, dovrà attendere la fine del mese, ossia il 27 Gennaio per vedersi attribuite le somme spettanti. La data anticipata dovrebbe essere precedente al 15 Gennaio.

Vediamo chi riceverà l’assegno in anticipo rispetto al solito nel seguente articolo.

Reddito di Cittadinanza: chi lo riceverà oggi?

reddito-1200-1

Vediamo chi sono i fortunati contribuenti che andranno a ricevere il pagamento del Reddito di Cittadinanza in anticipo, ossia nella data di oggi venerdì 13 Gennaio 2023. La notizia è iniziata a circolare quando alcuni percettori hanno visto che sul portale MyInps vi era riportata la data odierna come quella di versamento delle somme.

Ma chi sono queste categorie di beneficiari? Riceveranno il pagamento anticipato coloro che:

  • hanno fatto domanda per ottenere il reddito di cittadinanza per la prima volta a dicembre;
  • hanno richiesto il rinnovo del sussidio allo scadere delle prime 18 mensilità nel mese di dicembre;
  • a Dicembre 2022 hanno fatto nuovamente domanda dopo aver terminato le prime 36 mensilità.

Reddito di Cittadinanza: chi non lo riceverà prima?

reddito-di-cittadinanza

Vediamo ora invece chi è escluso dal pagamento anticipato del Reddito di Cittadinanza per il mese di Gennaio 2023. Si tratta di coloro che ricevono i pagamenti da almeno una mensilità: questi otterranno il pagamento entro la data del 27 gennaio 2023, ma non vi sarà alcun anticipo delle somme spettanti.

La data del 31 gennaio segna anche la scadenza entro la quale i beneficiari del reddito di cittadinanza che non hanno provveduto ancora a farlo devono rinnovare l’Isee per non incorrere nella sospensione della ricarica nel mese di febbraio.