Reddito di Cittadinanza: chi non lo prenderà più?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
17/11/2022

Arriva una nuova proposta della Lega per coloro che sono beneficiari del Reddito di Cittadinanza: determinate categorie di famiglie rischiano di non usufruirne più. La proposta è molto particolare: il Reddito verrà tolto ai nuclei familiari in cui i minori fanno di una baby gang. Vediamo i dettagli della vicenda insieme nel seguente articolo.

reddito-di-cittadinanza

In Italia il fenomeno delle baby gang che commettono reati a volte anche gravi, non sta affatto passando inosservato. Per questo motivo la Lega sta studiando una riforma del sistema del Reddito di Cittadinanza che prevede la cancellazione del diritto di averlo a coloro che hanno figli membri delle baby gang.

Potrebbe essere un’idea vincente? Cerchiamo di fare chiarezza a riguardo nel seguente articolo.

Rdc e baby gang: cosa propone la Lega?

salvini_serio_fg

Vediamo qual è la proposta della Lega per cercare di risolvere il problema delle baby gang in Italia. Sembra assurdo, ma questo potrebbe essere legato con il Reddito di Cittadinanza. Stando a quanto trapelato infatti, il Carroccio vorrebbe proporre di abolire il Reddito di Cittadinanza ai nuclei familiari in cui vi sia almeno un minore membro di una banda criminale.

Questo rientra in un progetto più ampio, che punta ad evitare che i giovani commettano sempre meno crimini e rendano le strade delle grandi città italiane ancor più sicure.

Baby gang: quali sono le altre sanzioni?

traffic-speeds-through-intersection-gangnam-seoul-south-korea (2)

Il governo come anticipato, sta studiando quali potrebbero essere le sanzioni più opportune da dare ai membri delle baby gang, che ormai da qualche anno stanno terrorizzando i centri storici e le periferie delle città italiane. Quella che verrebbe alla luce sarebbe una vera e propria riforma, che comprenderebbe anche la modifica dell’età in cui si è perseguibili penalmente: dai 14 anni attuali si passerebbe ai 12 anni.

Le sanzioni vanno dai lavori socialmente utili, fino ad un massimo di 5 anni di carcere per i reati più gravi. Si tratta di soluzioni idonee o bisognerebbe valutare altre vie?