Reddito di cittadinanza: come cambia dal 2023

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
24/12/2022

La Legge di Bilancio è ampiamente intervenuta sul Reddito di cittadinanza, modificandone regole e requisiti. Vediamo insieme tutte le novità in merito dal 2023.

reddito-di-cittadinanza

Anche il Reddito di cittadinanza rientra tra le misure modificate dalla Manovra 2023. Il sostegno economico introdotto dal Movimento 5 stelle sarà ampiamente modificato a partire dal prossimo anno per poi essere abolito nel 2024, come annunciato dalla Premier Giorgia Meloni.

Vediamo insieme quali sono le principali modifiche in merito al Reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza: novità dal 2023

reddito-di-cittadinanza

Il Reddito di cittadinanza sarà abolito dal 2024, ma nel frattempo il governo ha deciso di procedere gradualmente, modificando il sostegno economico a partire dal 2023.

Innanzitutto, dal 2023 si potrà usufruire del Reddito per un periodo massimo di 7 mensilità. Il nuovo limite, tuttavia, non riguarda nuclei al cui interno vi siano persone con disabilità, minorenni o persone con almeno 60 anni di età.

Inoltre, è previsto che dal prossimo anno, non si avrà più accesso à il Reddito di cittadinanza in seguito al rifiuto della prima offerta di lavoro congrua e se non si partecipa un corso di formazione o riqualificazione di almeno 6 mesi.

Sembrerebbe, inoltre, che sia stata tolta dal documento la parola “congrua” in relazione all’offerta di lavoro che il beneficiario deve accettare per non perdere il sostegno economico. Con l’approvazione dell’emendamento significa che la prima proposta di lavoro potrà essere ovunque, in qualsiasi parte d’Italia, a prescindere dal domicilio dell’interessato. In caso di rifiuto si incorre nell’annullamento del Reddito.

Infine, è stato approvato l’emendamento che condiziona il Reddito al titolo di studio. A cominciare dal primo gennaio 2023, l’erogazione del reddito di cittadinanza ai giovani tra i 18 e i 29 anni sarà quindi condizionata al completamento del percorso della scuola dell’obbligo.