Reddito di cittadinanza: cosa cambia con Giorgia Meloni

Camilla Principi
  • Dott. in Scienze della Comunicazione
26/09/2022

Reddito di cittadinanza abolito con la vittoria di Giorgia Meloni? Non proprio, il programma di Fratelli d’Italia prevede una rimodulazione del sussidio destinando i fondi solo ad alcune fasce protette. Cosa ne penseranno Lega, Forza Italia ma soprtutto il Movimento 5 stelle?

reddito-di-cittadinanza

L’esito. delle elezioni politiche del 25 settembre è destinato a incidere su molti aspetti del welfare: primo fra tutti il Reddito di Cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle ma vero e proprio “nemico” per la coalizione del centro destra, coalizione capace di vincere alle urne con uno scarto quasi imbarazzante rispetto al centro sinistra.

E così, finita la tornata elettorale, è giunto il momento di fare i conti con le riforme promesse in campagna elettorale che, se mantenute, porteranno profondi cambiamenti per milioni di italiani beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

Ma cosa cambierà ora che al governo vedremo Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia guidata dall’instancabile Silvio Berlusconi? Quali sono i piani interni per trasformare, o abolire, il RDC?

Reddito di Cittadinanza abolito o cambiato?

reddito di cittadinanza

Da sempre Fratelli d’Italia promette di far ordine nei conti pubblici, promessa che tradotta in azioni concrete significano tagli: nessuna flat tax al 15% (tema tanto caro alla Lega) ne l’aumento delle pensioni a 1000 euro (come promesso da Berlusconi). Se in un primo momento il reddito di cittadinanza era stato definito come inutile, Giorgia Meloni a fine campagna elettorale ha riproposto il sussidio con alcuni aggiustamenti.

Fratelli d’Italia vuole rifomulare il Reddito di Cittadinanza

Nessuna abolizione ma rimodulazione: il contributo potrà essere erogato a tutti i soggetti privi di reddito, fragili e impossibilitati a lavorare o difficilmente occupabili.
Gli esempi più semplici possono essere racchiusi in categorie come over 60, disabili o nuclei familiari con minori a carico.

Prima che questa promessa elettorale si trasformi in realtà occorrerà molto tempo e, siamo certi, molte battaglie in parlamento: riuscirà il Centro Destra a imporre la sua visione o il M5S (magari con l’aiuto del PD) avrò la forza di blindare uno dei successi più importanti del loro mandato al governo?