Reddito di Cittadinanza: crescono le domande al Sud

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
16/08/2022

L’andamento del Reddito di Cittadinanza, in particolare quello delle nuove domande da presentare, ha pesantemente risentito sia della crisi economica ed energetica in atto, ma soprattutto anche della precarietà della misura. A causa di queste fattispecie, nel 2022 il numero di nuove domande è stato più elevato solo al Sud.

reddito-di-cittadinanza

Gli effetti della crisi derivante dalla pandemia prima e dallo scoppio della guerra in Ucraina poi, ha avuto effetti molto dannosi in particolare sulle fasce più povere della popolazione. Come prevedibile dunque il Sud è la zona d’Italia ad essere stata colpita maggiormente, dove il numero delle famiglie povere è cresciuto del 6,6%.

In tali zone si è registrato anche un aumento delle domande di Reddito di Cittadinanza: vediamo di quanto è aumentato.

Reddito di Cittadinanza: boom di rinnovi al Sud

Reddito di cittadinanza

Nel 2022, a tre anni esatti dalla venuta alla luce del Reddito di Cittadinanza, si prevedono moltissimi rinnovi di coloro che sono già beneficiari. L’andamento regionale della misura consente di avere una fotografia piuttosto chiara circa la condizione economica delle famiglie italiane. Ad influire sull’aumento dei rinnovi e dei beneficiari è sicuramente l’ISEE, che nel 2022 terrà conto dei redditi del 2020, in caduta libera per moltissime nuclei.

Il mese di Maggio mostra comunque un calo di 250 mila beneficiari, ma ciò è dovuto alla scadenza del secondo rinnovo che avviene ogni 18 mensilità. Sono già state presentate infatti oltre 200 mila richieste di rinnovo.

Beneficiari Rdc: dove sono collocati?

reddito-di-cittadinanza

Come ampiamente prevedibile, del totale dei nuclei familiari beneficiari, ossia 1,05 milioni di nuclei, oltre il 68% di questi è residente nel Mezzogiorno. La regione che in totale ha più beneficiari è la Campania con il 21,9% di beneficiari, seguita da Sicilia (19%), Lazio (10,6%) e Puglia (9,3%).

Tali numeri evidenziano ancor di più l’esistenza di un gap tra il Sud e le altre Regioni d’Italia, in particolare quelle del Nord, da sempre più ricche e sviluppate.