Reddito di cittadinanza: Di Maio detta le regole

16/09/2021

In questi giorni il Reddito di Cittadinanza è sotto gli occhi di tutti. Dopo vari scandali, che hanno portato a dure sanzioni, l’idea di eliminare il sussidio si fa sempre più forte. Ma il ministro degli esteri, Luigi di Maio, si oppone a gran voce.

124

Dopo diverse indagini, condotte in tutta Italia, è risultato che diversi soggetti hanno raggirato le regole per percepire il Reddito di Cittadinanza indebitamente. Tra i tanti ricordiamo il più recente scandalo: la donna che risiedeva ai Caraibi ma beneficiava del sussidio. La polizia, nel bolognese, oltre alla furbetta in questione, ha denunciato più di 200 persone, che illegalmente hanno percepito il Reddito. Ad oggi la somma da recuperare ammonta a circa 500mila euro, senza considerare le ulteriori indagini in corso.

Dati i vari scandali, le funzionalità del Reddito sono state messe in discussione dai più, ma il Ministro degli Esteri sembra inamovibile a riguardo:


Leggi anche: Reddito di cittadinanza, prelievo cash: regole e limite mensile

“C’è ancora chi continua a ripetere che bisogna eliminarlo. Il MoVimento 5 Stelle questo non lo permetterà. Lasciatemi dire che si tratta di un’idea surreale, considerando oltretutto che arriva da alcuni esponenti politici che percepiscono stipendi d’oro. Chi oggi punta il dito contro il reddito solo per fare propaganda sotto elezioni, pensi piuttosto a portare avanti nuove idee, invece di gettare fango su strumenti che migliorano le condizioni di vita delle persone”

Il Ministro continua sostenendo che il Reddito di Cittadinanza è uno strumento di vitale importanza per milioni e milioni di Italiani, a maggior ragione in un periodo di forte crisi come quello che stiamo vivendo a causa della pandemia. Di Maio, addirittura, sostiene la necessità di rafforzarlo e non tanto di abolirlo, perché risulta essere una delle poche misure di dignità che garantiscono un aiuto fondamentale per i cittadini meno abbienti.

Giorgia Meloni contro Di Maio: “Non vogliamo la paghetta”

LapresseFo_75035363

La leader di Fratelli d’Italia si scaglia contro Di Maio e il Movimento 5 Stelle, sostenendo che questi ultimi non siano stati capaci di produrre nulla di buono, se non la così detta “paghetta di Stato”. La Meloni per tanto pretende l’abolizione del Reddito di Cittadinanza in favore di maggiore lavoro, dignità e libertà. Fratelli d’Italia propone quindi di impiegare tutte le risorse a disposizione per garantire, a tutti quei soggetti che percepiscono il sussidio, un posto di lavoro dignitoso, che li aiuti a contribuire alla crescita e allo sviluppo della loro comunità.


Potrebbe interessarti: Reddito di cittadinanza giugno 2021: scadenze e pagamenti

Da che parte vi schierate? Siete d’accordo con il Ministro degli Esteri o preferite la versione della Meloni?

Camilla
  • Laureata in Scienze della Comunicazione Pubblica e Digitale
  • Laureata in Scienze Politiche Relazioni Internazionali
  • Esperta di Politica, Economia, Marketing e Social Media
Suggerisci una modifica