Reddito di cittadinanza, diminuisce l’importo: chi riguarda e perché

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
22/03/2022

L’Inps ha comunicato che alcuni percettori vedranno ridursi l’importo del Reddito di cittadinanza. Qual è il motivo di questo cambiamento? Due nuove categorie di contributi economici sono state aggiunte nel “Siuss”, il sistema informativo unitario dei servizi sociali.

reddito-di-cittadinanzaTramite il messaggio n.1244/2022, l’Inps ha comunicato che per alcuni nuclei familiari l’importo del Reddito di cittadinanza potrebbe ridursi. La motivazione di tale diminuzione è da attribuire a una novità in ambito operativo, secondo cui l’istituto ha incluso due nuove categorie di contributi economici nel “Siuss”, il sistema informativo unitario dei servizi sociali.

Le due nuove categorie prese in considerazione andranno ad influenzare l’importo del reddito di cittadinanza, diminuendone la somma. Ma per quale motivo? L’importo del sussidio viene calcolato tenendo conto delle altre prestazioni di cui il percettore beneficia, secondo la regola per cui  il reddito familiare viene calcolato al netto delle prestazioni assistenziali indicate dall’Isee, ma con l’aggiunta di quelle in corso di godimento.

Vediamo insieme quali sono le due nuove categorie.

Reddito di cittadinanza e contributo affitto

reddito-1200-1Il reddito di cittadinanza prevede due differenti componenti: da una parte l’integrazione al reddito familiare, dall’altra il rimborso per le spese per l’affitto per un massimo di 280 euro mensili. In alternativa la famiglia può ricevere un contributo, che si riduce a 150 euro mensili, a titolo di rimborso per la rata del mutuo.

A tal proposito, la Quota B del sussidio non è  compatibile con il bonus affitto pagato dai Comuni utilizzando le risorse a disposizione nel Fondo nazionale sostegno delle locazioni. Per questo motivo, d’ora in avanti i Comuni dovranno trasmettere al Siuss i dati riferiti alla percezione di tale contributo, indicando la data d’inizio e di fine erogazione, nonché l’importo mensile erogato al cittadino.

Reddito di cittadinanza e province autonome

reddito-di-cittadinanzaLa seconda misura interessa una platea ridotta di beneficiari, poiché si riferisce a quelle misure erogate dalle Province autonome con “finalità analoghe a quelle del reddito di cittadinanza”.

Nel dettaglio, nella categoria del Siuss A1.04.03. si trovano quelle misure erogate dalla Province autonome di Trento e Bolzano a partire dal 1° gennaio 2022: chi ne beneficia subirà dunque una diminuzione dell’importo del sussidio. La comunicazione, come per il contributo per l’affitto, dovrà essere inviata al Siuss entro un termine di 15 giorni dal loro riconoscimento: tale compito non compete a chi ne beneficia, bensì agli enti erogatori.