Reddito di cittadinanza e carta acquisti sono compatibili?

I percettori del reddito di cittadinanza possono beneficiare anche della carta acquisti, essendo le due misure compatibili. Vediamo insieme nel dettaglio.

reddito-di-cittadinanza

In questi giorni si è parlato della possibilità di usufruire di una sorta di bonus da 480 euro per i percettori del Reddito di cittadinanza. In realtà, questo bonus non è un’aggiunta al sussio, ma si riferisce alla carta acquisti, una misura che esiste da molto prima dell’introduzione del reddito di cittadinanza e che riguarda solo determinati perimetri di contribuenti, con determinate età e requisiti.

Carta acquisti 2023: cos’è

reddito-di-cittadinanza

La Carta acquisti 2023 INPS è una carta di pagamento elettronica riservata ai cittadini in situazione di disagio economico, che possono richiederla se hanno 65 anni o più, o se sono genitori di bambini sotto i tre anni.

Come funziona

La carta viene caricata ogni due mesi di un importo pari a 80 euro e può essere utilizzata per acquistare generi alimentari presso i negozi convenzionati, pagare le bollette del gas e della luce presso gli uffici postali e ottenere uno sconto del 5% in negozi e farmacie aderenti all’iniziativa. Inoltre, gli acquisti effettuati con la carta presso le farmacie convenzionate danno diritto alla misurazione gratuita della pressione arteriosa e del peso corporeo.

Rdc e carta acquisti sono compatibili?

Al momento la carta acquisti è perfettamente compatibile con il reddito di cittadinanza. Altre prestazioni come l’assegno sociale e la NASPI sono compatibili con il reddito di cittadinanza, ma il sussidio viene naturalmente tagliato o ridotto in base agli importi delle altre prestazioni. Al contrario, la carta acquisti non riduce in alcun modo la prestazione erogata con il reddito di cittadinanza perché ha requisiti più rigidi e bassi rispetto alla misura di contrasto alla povertà.

Le principali differenze

Inoltre, la carta acquisti e il reddito di cittadinanza non permettono il prelievo di soldi in contanti, ma le ricariche devono essere spese per determinati acquisti o per pagare le bollette delle utenze domestiche. Infine, la soglia ISEE da non superare per la carta acquisti 2023 è pari a 7.640,18 euro, mentre per il reddito di cittadinanza rimane ai soliti 9.360 euro di ISEE da non superare. Tuttavia, la carta acquisti è rilasciata dall’INPS ed è presentata presso Poste Italiane, mentre per il reddito di cittadinanza la domanda viene presentata all’INPS.

Lascia un commento