Reddito di Cittadinanza e occupazione: aumentano le offerte di lavoro

13/09/2021

Per risolvere il problema dell’abbondanza di beneficiari senza offerte di lavoro congrue, si sta delineando una forte collaborazione tra i centri per l’impiego e le agenzie private del lavoro. Scopriamo i dettagli della questione e le nuove opportunità per i beneficiari.

3372240

Grande novità sul fronte Reddito di Cittadinanza: i centri per l’impiego e le agenzie per il lavoro private sono pronte a collaborare per facilitare la ricerca dell’offerta congrua di lavoro per i beneficiari.

Si stima che le offerte che dovrebbero arrivare saranno più di 400 mila, e potranno aumentare l’occupazione e la somministrazione del Reddito.

Analizziamo la questione nel dettaglio.

Centri per l’impiego e agenzie del lavoro: collaborare per creare occupazione

business-finance-man-calculating-budget-numbers-invoices-and-financial-adviser-working

La prospettiva di una collaborazione tra questi due enti mostra un netto incremento di posti di lavoro, in quanto le agenzie sono in grado di aiutare i centri per l’impiego che si trovano in condizioni di difficoltà.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza giugno 2021: scadenze e pagamenti

La collaborazione è stata confermata dal Ministro del Lavoro Orlando, che ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra sistema pubblico e privato per permettere a molti italiani di trovare lavoro.

I dati ministeriali parlano chiaro: l’occupazione è generata per il 4% dai centri per l’impiego e per il 96% da agenzie private. Sintomo che oltre ad una collaborazione è necessario rivedere l’intera struttura dei centri per l’impiego.

Collaborazione pubblico-privato: ecco i nuovi posti di lavoro

5356723

Secondo i dati dell’Anpal, si stima che circa 4 italiani su 10 stavano cercando lavoro nel mese di luglio, 400 mila potenziali lavoratori che vogliono occuparsi.

Rosario Rasizza, Presidente di Assosom (Associazione italiana delle agenzie per il lavoro), ha comunicato i settoriche  riguarderanno le nuove offerte di lavoro derivanti dalla collaborazione:

“Abbiamo attorno alle 400 mila offerte di lavoro compatibili. Provengono principalmente dalla grande distribuzione organizzata“.

I nuovi orizzonti dell’occupazione riguarderanno impieghi come logistica, agricoltura, alberghi e ristoranti, fino a magazzinieri, scaffalisti, vendemmiatori e camerieri.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica