Reddito di Cittadinanza: ecco chi non lo riceverà a Maggio

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
10/05/2022

Attenzione: per molti beneficiari del Reddito di Cittadinanza quello di Aprile potrebbe essere stato l’ultimo mese in cui l’agevolazione al reddito verrà versata. Ma per quale motivo la ricarica non dovrebbe essere effettuata? Vediamo insieme le motivazioni e come evitarle!

reddito-di-cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza è una delle opzioni cardine del governo, voluta fortemente dal Movimento cinque Stelle, ma che tutt’ora crea delle spaccature all’interno della maggioranza. In particolare la Lega si mostra fortemente contraria al Reddito, soprattutto nella sua versione attuale. Ad ogni modo continuano ad essere molte le famiglie che riescono ad arrivare a fine mese grazie ad esso.

Vediamo però chi rischia di perderlo per il mese di Maggio 2022.

Reddito di Cittadinanza: chi non lo riceverò a Maggio?

reddito-di-cittadinanza

Vediamo subito quali categorie di beneficiari non riceverà la ricarica nel mese di Maggio 2022. Sicuramente si tratta di coloro che nel mese di Aprile hanno ricevuto la trentaseiesima ricarica, ossia essere beneficiari del Reddito da più di tre anni. Si tratta di tutti coloro che sono beneficiari da April 2019 e che nel Settembre 2020 hanno effettuato il rinnovo per ulteriori 18 mesi.

Per tutti coloro i quali vedranno scadere i 18 mesi nel mese in corso dunque sarà la fine del Reddito di Cittadinanza: al momento non è possibile presentare domanda nuovamente per ottenere il bonus.

Rdc: come verificare se si è ancora beneficiari

reddito-1200-1

Ma c’è un modo per verificare se si sarà ancora beneficiari del Reddito di Cittadinanza? Il modo più semplice e veloce è quello di entrare nel sito dell’Inps attraverso le proprie identità digitali, che siano Spid, Cie o Cns: da questo sarà possibile valutare la propria condizione del Reddito.

Oltre a questo vi è sempre il classico metodo di contattare il numero verde messo a disposizione dall’Inps. In alternativa si può contattare un istituto di patronato che vi aggiornerà sulla vostra situazione in modo tale da non avere sorprese inaspettate.