Reddito di Cittadinanza: in quanti hanno fatto richiesta?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
25/02/2022

Si è largamente discusso riguardo alla formula da utilizzare per il Reddito di Cittadinanza, in particolare riguardo alla sua connessione con mondo del lavoro. Ma quanti sono coloro che vorrebbero averlo ma sono ancora in coda? Vediamo insieme questo particolare aspetto del Reddito di Cittadinanza. 

reddito-di-cittadinanza

Il Reddito di Cittadinanza continua a far discutere in molti, dal panorama politico a quello sociale è sempre un argomento di massima attualità. Di recente si è dibattuto a lungo su una sua eventuale modifica ad hoc per favorire la transizione dei beneficiari al mondo del lavoro.

Viene spesso trascurato però un lato della medaglia molto importante, ossia in quanti sono in attesa di divenire beneficiari: le stime INPS dicono che tra coloro che hanno avuto il rigetto della domanda e coloro che vorrebbero fare domanda, il numero arriva a circa tre milioni di soggetti.

Reddito di Cittadinanza: cosa dicono i dati dell’INPS

reddito-1200-1

La recente ricerca dell’INPS ha fornito evidenze empiriche interessanti sul Reddito di Cittadinanza, in particolare riguardo alla platea di beneficiari. Il dato allarmante è quello sul mancato ricambio di precettori: circa il 36% dei beneficiari attuali prende il Reddito dall’Aprile 2019.

Tale circostanza fa intendere quanto il Rdc sia considerato un parcheggio fisso, piuttosto che una situazione temporanea in caso di difficoltà. Ciò comporta attese lunghe per molti cittadini che vorrebbero averlo, ma devono accodarsi in fila.

I dati dicono che tra soggetti cui la domanda è stata rigettata e coloro che vorrebbero fare domanda, il numero sfiora i tre milioni.

Reddito di Cittadinanza: quale potrebbe essere la soluzione?

reddito-di-cittadinanza

Senza dubbio il governo dovrà intervenire per fare in modo che il ricambio sia maggiore, in modo tale da garantire il Reddito a chi ne ha bisogno, e far entrare nel mondo del lavoro il prima possibile i beneficiari. Una soluzione adottata è quella di limitare a due le offerte di lavoro rifiutate.

Vedremo in futuro quali saranno le idee da valutare, fatto sta che l’utilità sociale del Reddito è indubbia e una sua permanenza nell’ordinamento italiano è più che auspicabile.