Reddito di Cittadinanza: stop erogazione a chi può lavorare

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
26/10/2022

Nella giornata di ieri Giorgia Meloni ha ottenuto la fiducia alla Camera dei Deputati, dopo aver esposto nel consueto discorso quelle che saranno le volontà del governo. Tra i temi toccati vi è anche quello del Reddito di Cittadinanza, che si prospetta essere terreno di forti scontri politici. Vediamo quali sono i piani del nuovo governo.

reddito-di-cittadinanza

Nella giornata che ha portato il neo governo Meloni ad ottenere la fiducia della Camera, la leader di Fratelli d’Italia ha sostenuto il consueto discorso d’insediamento, in cui sono stati toccati tutti i temi più importanti di attualità. Uno di questi è stato quello del Reddito di Cittadinanza, dove la Meloni ha ribadito quali sono i suoi piani a riguardo.

Approfondiamo insieme la questione nel seguente articolo.

Reddito di Cittadinanza: cosa ha ribadito la Meloni?

reddito-1200-1

Cerchiamo di capire in primis quali sono state le parole con cui la Meloni ha affrontato il tema del Reddito di Cittadinanza oggi nell’aula della Camera dei Deputati. Il tema è stato introdotto citando la povertà dilagante di cui l’Italia è vittima in questi tempi. Dunque tali persone vanno aiutate, ma non è necessario andare ad assistere anche chi può lavorare.

Proprio per questo motivo il Reddito non verrò cancellato, ma saranno effettuate delle modifiche, in modo tale che i veri bisognosi continueranno ad averlo, mentre chi può lavorare no.

Reddito di Cittadinanza: come verrà cambiato?

reddito di cittadinanza

Vediamo ora come dovrà essere modificato il Reddito di Cittadinanza, secondo quanto esposto dalla Meloni nella giornata di ieri. Nulla di pratico è stato ancora esposto, in quanto i temi trattati sono solo ideologici e nulla di più, ma è chiaro che questi poi si tradurranno in altro.

Un momento molto importante sarà quello dell’approvazione della Legge di Bilancio, in cui il governo dovrà decidere come muoversi a livello pratico per la rivoluzione della riforma più discussa del momento in Italia.