Reddito di emergenza 2021: come e quando richiederlo

26/06/2021

Il decreto Sostegni bis di maggio ha introdotto quattro ulteriori mensilità per il Reddito di emergenza, da giugno a settembre 2021. Vediamo insieme da quando è possibile fare domanda, chi può richiederlo e quali sono le procedure da seguire.

money-1005464_1920Dal 1° Luglio potrà essere inviata la domanda per ottenere le quattro mensilità, che vanno da giugno a settembre, del Reddito di emergenza previsto dal decreto Sostegni bis. Il termine ultimo per fare domanda è il 31 luglio.

Attraverso il messaggio n. 2406 del 24 giugno 2021 l’INPS ha fornito le istruzioni per fare richiesta. Il Reddito di emergenza è stato integrato di altre quattro mensilità dal decreto Sostegni bis di maggio e nel frattempo continuano i pagamenti delle precedenti quote previste dal decreto Sostegni di marzo.

Reddito di emergenza: come fare domanda per le quattro mensilità

young-woman-checking-her-budget-and-doing-taxesLa domanda per il Reddito di emergenza potrà essere presentata anche da chi ha già ottenuto le mensilità precedenti, nonostante siano cambiate alcune condizioni per accedervi.

L’INPS ha ricordato che per i nuclei familiari che possiedono i requisiti previsti è possibile presentare la domanda tramite i seguenti canali:


Leggi anche: Reddito di emergenza 2021: importi e come fare domanda

  • gli istituti di patronato;
  • il sito internet dell’INPS, tramite l’autenticazione con PIN, se in possesso (l’INPS non rilascia più nuovi PIN dal 1° ottobre 2020), SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica.

Per poter fare richiesta è necessario che il richiedente possieda una DSU valida al momento della presentazione della domanda.

Chi può fare domanda

money-1005476_1920Coloro che possono accedere al Reddito di emergenza sono i nuclei familiari che possiedono i seguenti requisiti:

  • residenza in Italia;
  • ISEE minore di 15.000 euro;
  • patrimonio mobiliare non superiore a 10.000 euro per l’anno 2020. La soglia è aumentata di ulteriori 5.000 euro per ogni componente del nucleo familiare diverso dal richiedente, fino a un massimo di 20.000 euro. Quest’ultimo subisce un incremento di 5.000 euro se è presente un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza all’interno del nucleo familiare.

L’importo del reddito di emergenza può variare dai 400 agli 800 euro (850 se presente un disabile) e viene determinato sulla base della composizione del nucleo familiare incrementato, per chi vive in affitto, di un dodicesimo del canone di locazione.