Reddito di Emergenza 2021: pagamenti dopo il 15 agosto

13/08/2021

Il pagamento del Reddito di Emergenza 2021 per coloro che hanno presentato domanda tra il 1° e il 31 luglio avverrà dopo il 15 agosto. Ciò emerge da una comunicazione dell’INPS, in seguito alle lamentale di alcuni beneficiari. 

money-1005479_1920L’INPS ha comunicato che i pagamenti del Reddito di Emergenza 2021 in merito alle mensilità per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre per alcuni beneficiari avverranno dopo il 15 agosto 2021.

Il decreto Sostegni bis ha integrato il Reddito di Emergenza 2021 in riferimento ai mesi compresi tra giugno e settembre. La domanda per ottenere le quattro mensilità devono essere presentate entro il 31 luglio.

L’importo è compreso tra i 400 e gli 800 euro a seconda della composizione del nucleo familiare, e raggiunge gli 840 euro in presenza di un disabile.

Reddito di Emergenza 2021: pagamenti dopo il 15 agosto

money-1005476_1920La proroga per il pagamento del Reddito di Emergenza 2021 dopo il 15 agosto riguarda soltanto alcuni beneficiari che hanno presentato domanda tra il 1° e il 31 luglio. La notizia è stata data dall’INPS in seguito ad alcune lamentele sopraggiunte da alcuni utenti in risposta ad un tweet dell’ente che sollecitava a presentare le domande.


Leggi anche: Reddito di emergenza: pagamenti Maggio, nuove domande e scadenze

L’INPS ha comunicato che il pagamento delle quattro mensilità di giugno, luglio, agosto e settembre, per chi ha fatto domanda nel mese di luglio 2021, avverrà dopo la metà di agosto, ed essendo questo un mese di ferie, probabilmente sarà necessario attendere diverse settimane.

Come avviene il pagamento del Reddito di Emergenza

money-256319_1920Il Reddito di Emergenza può essere erogato in modalità differenti, a seconda della preferenza espressa in fase di domanda dai contribuenti, e queste sono:

  • accredito su Libretto postale;
  • bonifico postale/bancario;
  • bonifico domiciliato (pagamento in contanti presso gli sportelli di Posta Italiane S.p.A.).

Tuttavia, l’INPS ha specificato che non può garantire che tutti i beneficiari riceveranno il messaggio che anticipa l’accredito. Dunque, i beneficiari che hanno presentato domanda nel mese di luglio non possono far altro che attendere le prossime settimane.