Reddito di Emergenza: difficile la proroga al 2022

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
20/12/2021

Il Governo Draghi ha da poco ufficializzato che lo stato di emergenza sarà prorogato fino al 31 marzo 2022. Questo avrà delle conseguenze importanti, in particolar modo sulle agevolazioni al momento attive. Sarà prorogato anche il Reddito di Emergenza? Scopriamolo insieme nel seguente articolo.

top-border-euro-money-notes-min

Il Reddito di Emergenza è stata una delle prime misure poste in essere dal Governo per fronteggiare la crisi derivante dalla pandemia da Covid-19.
Questo era rivolto, in particolare, a quelle famiglie in difficoltà economica che non rientravano nella platea di beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

L’ultima mensilità corrisposta dal Reddito di Emergenza è stata a settembre 2021: cosa accadrà ora con la proroga dello stato di emergenza? Analizziamo la situazione.

Reddito di Emergenza: la situazione dopo la proroga dello stato di emergenza

Covid

Dopo la conferma ufficiale della proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo 2021 in molti, soprattutto i beneficiari, si stanno chiedendo se ci sarà la possibilità di vedere prorogato anche il Reddito di Emergenza.

Il programma è stato bloccato dal Governo Draghi lo scorso settembre e al momento non stanno arrivando notizie che lasciano pensare ad una sua eventuale proroga.

Va però ribadito che il Reddito di Emergenza ha svolto la sua funzione in maniera ottimale, concedendo a molte famiglie la possibilità di affrontare i periodi più bui della pandemia grazie ad un’entrata monetaria in più. Tale situazione ha contribuito sicuramente alla ripresa economica a cui stiamo assistendo.

Reddito di Emergenza: quante possibilità di proroga ci sono?

Soldi

Anche se è arrivata la proroga dello stato di emergenza, le speranze che venga prorogato anche il Reddito di Emergenza sono molto poche.

La prima motivazione è quella dell’ingente spesa che rappresenterebbe per le casse dello Stato: si parla di un esborso da più di 700 milioni di euro.

Inoltre, la sospensione voluta dal premier è legata anche alla ripresa economica prevista per il 2022, che prevede una costante crescita delle assunzioni e dei posti lavoro. Andare a prorogare tale Reddito, infatti, scoraggerebbe le persone coinvolte a cercare lavoro e quindi a favorire la ripresa.