Reddito di libertà 2021: cos’è, a chi spetta, domanda e requisiti

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/11/2021

Il Reddito di libertà è pronto per essere erogato a tutte le donne in difficoltà e vittime di violenza. La misura, infatti, è stata pensata con il fine di aiutare queste donne ad avere una maggiore autonomia e potersi allontanare da situazioni pericolose. Vediamo insieme in cosa consiste, a chi spetta, come fare domanda e quali sono i requisiti.

young-happy-woman-in-a-golden-field-on-sunsetIl Reddito di libertà è stato istituito per favorire percorsi di autonomia e di emancipazione delle donne vittime di violenza in condizione di particolare vulnerabilità o di povertà. Si tratta di un contributo che può arrivare fino a 400 euro mensili per un tempo massimo di 1 anno, e finalmente è stata attivata la procedura di acquisizione delle domande da parte degli operatori comunali, con il nuovo modulo Inps che estende il contributo a tutte le donne extracomunitarie.

Reddito di libertà: cos’è e a chi spetta

laughing-joyful-woman-plays-with-her-little-cute-daughterCome riportato dalla circolare Inps n° 166 del 08-11-2021, il Reddito di libertà è stato istituito per favorire percorsi di autonomia e di emancipazione delle donne vittime di violenza in condizione di particolare vulnerabilità o di povertà attraverso l’indipendenza economica.

Il contributo viene erogato mensilmente, per un limite massimo di 400 euro, entro il limite delle risorse assegnate a ciascuna Regione o Provincia autonoma. Inoltre, la misura è compatibile con altri strumenti di sostegno al reddito come il Reddito di cittadinanza o altri sussidi e è esente dall’IRPEF, dal momento che sono erogati da un ente pubblico a titolo assistenziale.

Il Reddito di libertà è destinato alle donne vittime di violenza, senza figli o con figli minori, seguite dai centri antiviolenza riconosciuti dalle Regioni e dai servizi sociali nei percorsi di fuoriuscita dalla violenza. L’obiettivo di questa misura è quello di sostenere prioritariamente le spese per l’autonomia abitativa e personale, nonché il percorso scolastico e formativo di eventuali figli e figlie minori.

Reddito di libertà: domanda e requisiti

pagamenti tasseLe donne che possono beneficiare del Reddito di libertà devono essere residenti nel territorio italiano che siano cittadine italiane o comunitarie o cittadine di Stato extracomunitario, in possesso di regolare permesso di soggiorno. Alle cittadine italiane sono equiparate le straniere aventi lo status di rifugiate politiche o lo status di protezione sussidiaria.

La domanda deve essere presentata all’Inps tramite il proprio Comune di residenza. Per facilitarne la presentazione, è stata predisposta una specifica piattaforma di collegamento con i Comuni italiani che permetterà di inoltrare l’istanza redatta dalle interessate, direttamente o mediante un rappresentante legale o un delegato, per il tramite del Comune competente per residenza, utilizzando il nuovo modulo.