Riduzione TARI 2021: chi pagherà di meno?

25/05/2021

Decreto Sostegni bis: nuova riduzione della TARI per le categorie maggiormente colpite dalla crisi da Covid-19. Stanziato un fondo da 600 milioni di euro destinato ai Comuni, che potranno concedere sconti sulla tassa rifiuti a favore di attività commerciali e imprese.

mulltonnen-3979757_1920

Nel decreto Sostegni bis approvato dal Governo Draghi c’è spazio anche per la nuova riduzione della TARI a favore delle categorie commerciali maggiormente colpite dalla crisi Covid.

600 milioni di euro le risorse messe a disposizione dei Comuni: già predisposto un apposito fondo, per la ripartizione si aspetta ora il decreto congiunto tra Ministero dell’Interno e quello dell’Economia.

TARI 2021: nuove riduzione nel Sostegni bis

office-with-documents-money-accounts (1)-min

Anche per l’anno in corso le categorie commerciali maggiormente colpite dalla crisi Covid potranno beneficiare di una riduzione della tassa sui rifiuti.

La decisione, contenuta nel decreto Sostegni bis appena varato dal Governo Draghi, è stata presa con l’obiettivo di attenuare l’impatto economico di restrizioni e chiusure obbligatorie su migliaia di attività e imprese.


Leggi anche: Nuova riforma IRPEF 2021: chi pagherà più tasse?

L’aiuto arriverà tramite un apposito fondo da 600 milioni di euro che sarà destinato ai Comuni, ai quali spetterà poi l’onere di individuare le categorie meritevoli della riduzione della TARI per il 2021.

TARI 2021: come funzionerà il fondo

Mechanical recycling concept vector illustration.

La TARI è la tassa dovuta annualmente per sostenere i costi legati alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti. Negli ultimi cinque anni è aumentata all’incirca del 2,5%, attestandosi su un importo medio di poco sopra ai 300 euro per famiglia.

Con il nuovo fondo da 600 milioni di euro istituito dal Governo Draghi i Comuni potranno concedere riduzioni della TARI a favore di determinate categorie. In che modo?

Per conoscere le modalità specifiche di ripartizione del fondo bisognerà aspettare il decreto congiunto tra Ministero dell’Interno e Ministero dell’Economia, oltre ad un’intesa tra la Conferenza Stato-Città e le varie autonomie locali. Ciò che sappiamo già con certezza, però, è che la riduzione riguarderà eclusivamente attività commerciali e imprese.

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica