Riforma pensioni 2021: novità e proposte dei partiti

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
10/10/2021

La riforma del sistema pensionistico si avvicina ed è più necessaria che mai dato il termine del periodo sperimentale di Quota 100. Alcune fazioni politiche, come la Lega, puntano alla flessibilità per l’uscita dal mondo del lavoro chiedendo un anno di proroga di Quota 100. Analizziamo meglio la situazione.

Pensioni

Il compito assai complesso di sciogliere tutti i nodi legati alla riforma delle pensioni è in mano al governo Draghi, che sta valutando la moltitudine delle opzioni in arrivo dai partiti. Vi è una proposta che mira alla flessibilità in uscita dal lavoro e proviene dal Carroccio.

Cerchiamo di capire cosa prevede tale riforma e come potrebbe essere attuata.

Riforma pensioni: la richiesta delle Lega

salvini_serio_fg

La proposta della Lega ha come punto cardine la flessibilità, prevedendo addirittura un fondo apposito che prenderebbe il nome di “Fondo nazionale per la flessibilità in uscita dal mercato del lavoro“. Tale fondo metterebbe a disposizione le risorse per uscire dal lavoro tra i 62 e i 63 anni.

Il fondo avrebbe carattere temporaneo, rimanendo in vigore fino al 2024. Con la sua introduzione il calcolo per l’uscita dal mondo del lavoro sarebbe uguale a Quota 100, ma il fondo interverrebbe per colmare l’eventuale distanza. Ad esempio, per un lavoratore di 62 anni, con 38 anni di contributi versati, la pensione a carico dello Stato sarebbe di:

  • 4 anni e 10 mesi per gli uomini;
  • 3 anni e 10 mesi per le donne.

Riforma pensioni: la proposta del PD

enrico-letta

Il PD punta invece a rafforzare l’Ape Sociale, estendo la massa di beneficiari con la presentazione di una nuova lista di beneficiari appoggiata anche dai sindacati.

Il programma purtroppo viene ancora confermato di anno in anno, senza avere una conferma definita a lungo termine: il PD propone di rinforzarlo anche in questo senso. Per accedervi occorrono 63 anni di età e ben 36 anni di contributi versati.

Sia per Ape sociale rinforzata che per la flessibilità ci sarà ancora molto da attendere, auspicando che una soluzione venga trovata il prima possibile.