Riforma Riscossione: cos’è e come funziona

15/10/2021

Ci sono novità importanti sul fronte riscossione di eventuali multe, tasse e notifiche. A partire dalla fusione tra Entrate e Riscossione che entrerà in vigore dal 2022, ci potrebbero essere novità anche sule modalità: scopriamole insieme.

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

La legge delega che colpirà il sistema fiscale italiano porterà molte novità con sè, tra cui l’annunciata fusione tra Entrate e Riscossione. La legge delega verrà finalmente discussa in aula domai 6 Ottobre per votare la risoluzione sul documento depositato in Parlamento da più di 3 mesi.

Le novità non riguardano solo la fusione tra le due Agenzie, ma anche tutti i benefici che lo Stato ne avrebbe, a partire dallo svuotamento potenziale dei quasi mille miliardi di euro di debiti ancora da riscuotere.

Riforma fiscale: coma cambia la procedura di riscossione?

AGENZIA DELLE ENTRATE

Uno dei freni più grandi dell’Italia è la presenza di quasi mille miliardi di euro di debiti da riscuotere. Un monte enorme, che in qualche modo deve essere superato, sacrificando alcune entrate.


Leggi anche: Pensione anticipata contributiva: cos’è, come funziona e requisiti

Su quest tema in particolare si dovrà lavorare molto, ossia trovare un meccanismo automatico che è in grado di valutare l’esigibilità di alcuni crediti e la inesigibilità di altri. Va quindi modificato l’intero sistema di Riscossione, in favore di uno più  moderno e più snello che vada a migliorare la situazione attuale.

Come cambiano i termini di riscossione?

top-border-euro-money-notes-min

In attesa della votazione di domani sulla questione, ci sono già delle indiscrezioni sui nuovi termini per la riscossione dei crediti da parte dello Stato. Per tutti gli aderenti alla pace fiscale infatti, sarà concesso uno stop di 18 mesi, che è simile i durata a quella concessa ad altri soggetti.

Vi è un ulteriore problema per i cittadini: i pagamenti della Riscossione sono partiti tutti insieme. Infatti oggi è la scadenza ultima per il pagamento delle cartelle saldo e stralcio e rottamazione scadute a Luglio 2020.

Da questa il governo punta ad incassare ben 7,2 miliardi di euro entro il 31 Dicembre 2021, molto comodi per le casse dello Stato.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica