Rincaro bollette 2022: nuovi aiuti in arrivo

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
16/01/2022

Presto gli italiani dovranno fronteggiare un nuovo rincaro delle bollette di luce e gas e per aiutare le famiglie e le imprese, il governo è al lavoro su una serie di nuove misure, che andranno ad accompagnare i già previsti bonus bollette e possibilità di rateizzazione. 

light-bulb-close-upNonostante il Governo abbia già introdotto il bonus luce e gas e la possibilità di rateizzazione per contrastare il rincaro delle bollette, attualmente l’esecutivo è al lavoro per ideare e mettere in atto nuovi aiuti alle famiglie e alle imprese italiane in merito.

Secondo quanto comunicato da ARERA a dicembre, l’aumento delle bollette sarà pari al 55% sull’elettricità e al 41% sul gas, per un totale di circa mille euro annui per ciascuna famiglia. Vediamo insieme su cosa sta lavorando il Governo in merito.

Rincaro bollette 2022: le misure previste dal Governo

GasLa strategia su cui il Governo è al lavoro per contrastare il prossimo aumento delle bollette non è ancora nota nei dettagli ma l’obiettivo potrebbe essere quello di chiedere anche ai produttori un contributo per mitigare i rincari di luce e gas, come affermato più volte dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, e come richiesto dai partiti di maggioranza.

Le novità in merito potrebbero già entrare a far parte del nuovo decreto sostegni o tramite un provvedimento ad hoc nella prossima settimana.

Bonus bollette e rateizzazione

light-bulb-1640438_1920Tra gli interventi introdotti dal Governo in Italia per aiutare le famiglie e le imprese italiane con il rincaro bollette troviamo: il bonus bollette e la possibilità di rateizzazione.

Il primo intervento consiste in in uno sconto sull’importo totale dovuto sulle utenze del gas e dell’energia elettrica. Per beneficiare del bonus è necessario appartenere alle seguenti categorie:

  • famiglie composte da un massimo di tre membri e con un reddito massimo di 8265 euro all’anno;
  • famiglie con quattro membri o più e con un reddito che non superi i 20mila euro all’anno;
  • i titolari e i beneficiari di reddito di cittadinanza o di pensione di cittadinanza;
  • i malati gravi che fanno uso di apparecchiature salvavita.

Il secondo intervento consiste nella rateizzazione delle bollette in 10 rate, e inoltre, in caso di inadempienza dei clienti domestici, le imprese dovranno offrire un piano di rateizzazione senza interessi.