Riscatto gratuito della laurea: requisiti e come fare

25/10/2021

Il governo sta valutando di poter far riscattare la Laurea agli Studenti per poter garantire maggior vantaggi ai neo laureati che sanno per entrare nel mondo del lavoro. Come funziona?

young-female-university-graduate-academic-cap-sitting-table-smiling-pointing-left-future-lawyer-engineer-showing-idea_176420-14245

Davvero si possono far valere gli anni di università come anni di lavoro? Anche se non si versano i contributi? Scopriamo in cosa consiste la misura proposta dal presidente dell’Inps Tridico

Come funziona il riscatto gratuito della laurea?

d6c080cb-6ad2-418a-8d3a-4727ce5bd2f9

Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, lo scorso 12 ottobre, davanti alla commissione del lavoro della Camera, ha proposto questa misura sostenendo che:

«Il riscatto della laurea ha due caratteristiche positive, incentiva il giovane e contribuisce all’aumento delle skills in un paese dove il tasso dei laureati è tra i più bassi dell’Ue. Oltre a pareggiare una sorta di discriminazione che potrebbe denunciare chi resta di più tra i banchi di scuola rispetto all’ingresso mercato nel mercato del lavoro».


Leggi anche: Bonus spesa 2021: requisiti, importi e come usarli

Lo scopo principale è quello di facilitare il raggiungimento del pensionamento per i giovani che intraprendono la strada universitaria e che entreranno nel mondo del lavoro più tardi di altri, considerando anche che la prospettiva lavorativa risulterà essere altalenante e discontinua nel primo periodo.

Come funziona il riscatto?

Il riscatto della laurea fa valere gli anni di studio come anni effettivi di contribuzione. Il problema principale però è che questo onere graverebbe tutto sulle spalle dello Stato in quanto il cittadino non ha realmente versato contributi durante gli anni di studio. L’ipotesi del presidente dell’Inps renderebbe gratuiti questi oneri esclusivamente per chi si è appena affacciato al mondo del lavoro. Non sarà possibile, è bene saperlo, riscattare gli anni di laurea gratuitamente per tutti i lavoratori. Tridico ha avvertito che il costo si aggira intorno ai 4/5 miliardi l’anno, per questo la proposta verrà messa a confronto con le altre per superare “quota 100”.

Camilla
  • Laureata in Scienze della Comunicazione Pubblica e Digitale
  • Laureata in Scienze Politiche Relazioni Internazionali
  • Esperta di Politica, Economia, Marketing e Social Media
Suggerisci una modifica