Risparmio: chi sono i migliori al mondo?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
13/05/2023

Risparmiare è uno degli obiettivi delle famiglie per cercare di accantonare somme da sfruttare in futuro per investimenti, spese improviste etc. Quali dei paesi OCSE sono tra i migliori risparmiatori in assoluto? Vediamo la classifica insieme nel seguente articolo.

Soldi

L’Italia è noto per essere un paese dove il tasso di risparmio è molto elevato: cosa emerge però dalla classifica dei paesi OCSE con il tasso di risparmio più elevato? Cerchiamo di rispondere alla domanda nel seguente articolo, andando a vedere la classifica aggiornata al 2023.

Risparmio: cosa dice lo studio?

Soldi

Vediamo cosa dice lo studio in materia di risparmio effettuato su scala globale. L’Analisi è stata effettuata da BravoSconto, prendendo in esame i paesi OCSE. Di questi sono stati analizzati i dati e inseriti in una speciale classifica che evidenzia qual ‘ il paese più virtuoso per il risparmio. I dati utilizzati provengono da fonti  OCSE, Numbeo e del dipartimento per l’agricoltura degli USA relativi alle abitudini di spasa e di risparmio.

Qual è la classifica?

Vediamo ora nel dettaglio la classifica. In prima posizione si piazza la Francia, seguita da Irlanda e Germania. Fuori dal podio a seguire troviamo: Stati Uniti, Norvegia, Belgio, Colombia, Austria, Paesi Bassi, Russia, Ungheria, Corea del Sud, Slovenia, Repubblica Ceca, Estonia, Canada, Italia, Finlandia, Spagna, Regno Unito, Nuova Zelanda, Portogallo, Lettonia, Lituania. Ultima la Polonia.

Posizione dell’Italia

In questa speciale classifica l’Italia non si piazza nelle posizioni di testa, anzi si piazza in 17esima posizione. Si tratta di uno di quei paesi con valori al di sotto della media OCSE. E’ forse sintomo delle abitudini degli italiani che stanno cambiando improvvisamente?

Italiani: cosa ne pensano?

Soldi

Quanto siamo attenti ai nostri acquisti? Ci facciamo spesso prendere la mano andando a spendere troppo? Secondo lo studio, solo il 68% degli italiani ha dichiarato di valutare attentamente i propri acquisti. Rispetto agli altri paesi, gli italiani prestano meno attenzione alle offerte per il settore Food&Drink.