Ristori 2021: modalità di calcolo e assegnazione

La bozza del decreto Sostegni, il primo di ordine economico che sarà varato dal governo Draghi, arriverà in Consiglio dei Ministri venerdì: per quello che riguarda i ristori per il 2021, verranno calcolati a partire dal confronto tra la perdita media del 2020 confrontata con i ricavi del 2019, moltiplicata per due. 

businessman-checking-documents-table-min

Il decreto Sostegni, che contribuirà a mettere in atto numerose misure per la ripresa economica del paese, con particolare riferimento al mercato del lavoro, arriverà sul tavolo del Consiglio dei Ministri venerdì 13 marzo, e definirà le linee guida per i ristori del 2021 a quelle attività che hanno registrato grandi perdite in seguito alla pandemia e alle chiusure forzate imposte dal governo.

Secondo prime indiscrezioni, si pensava che il calcolo sarebbe stato fatto confrontando i ricavati di queste prime due mensilità del 2021 con quelle del 2019, l’anno precedente alla pandemia: ora, invece, è stato in parte chiarito il metodo con il quale saranno calcolati i ristori.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Si partirà infatti calcolando la perdita media mensile subita in tutto l’arco del 2020, confrontandola con i ricavi dell’anno precedente: la cifra media sarà poi moltiplicata per due, e su questa base si deciderà per l’assegnazione dei ristori.

Ristori 2021: quattro fasce, anziché tre

covid-19-global-economic-crisis

Destinatari dei ristori del 2021 saranno circa 800mila lavoratori, molti di più rispetto a quelli che erano stati inseriti nel precedente decreto del governo Conte: al fine di fornire un aiuto concreto a tutti, sono stati stanziati circa 10 miliardi di euro, che forse dovranno essere ulteriormente incrementati, visto il proseguire della pandemia e delle restrizioni imposte anche alle attività economiche.

Gli aiuti saranno calcolati a seconda dell’appartenenza ad una delle quattro fasce predisposte dal governo: 30% della perdita per chi fatturava fino 100mila euro, 25% per la categoria compresa tra 100mila e 400mila, 20% fino a 1 milione e 15% fino alla soglia dei 5 milioni.

Altro aggiornamento importante riguarda la possibilità di ottenere l’indennizzo senza dover aspettare di compilare la prossima dichiarazione dei redditi: in particolare, potrebbe essere prevista, per chi sceglierà come modalità di ricezione il credito d’imposta, la possibilità di inserire la somma direttamente in compensazione negli F24, diventando così usufruibile fin da subito.


Potrebbe interessarti: Decreto sostegno, la bozza: reddito di cittadinanza e ristori