Ronaldo fa perdere a Coca-Cola 4 miliardi di euro

18/06/2021

Sta facendo molto discutere la provocazione di Cristiano Ronaldo che, prima della conferenza stampa pre Ungheria-Portogallo, ha “spostato” le due bottiglie di Coca-Cola, main sponsor ufficiale di EURO 2020. Le ripercussioni sono state, e si prospettano essere, molteplici: da altri giocatori che si sono allineati a CR7, ad altri che hanno alleggerito la questione bevendo la Coca-Cola. Ma quali sono le ripercussioni economiche?

Cristiano, Ronaldo

La Coca-Cola Company è una delle aziende più potenti e a più alta capitalizzazione presenti sul mercato, ma a quanto sembra anch’essa non è esente da perdite di mercato improvvise e soprattutto inaspettate. I mercati sono fatti dalle scelte degli investitori, e l’investitore non è razionale, soprattutto se a esporsi contro un determinato prodotto (e di riflesso, un’azienda quotata) è un personaggio del calibro e dell’influenza di Cristiano Ronaldo. “Bevete acqua, non Coca-Cola“, ha sicuramente influenzato qualcuno a scommettere contro la compagnia.

Vediamo però nel dettaglio la vicenda Cristiano Ronaldo – Coca-Cola.


Leggi anche: Super cashback da 1.500 euro cancellato?

Ronaldo e Coca-Cola: la perdita in borsa della compagnia

Alla compagnia statunitense questo “scherzetto” è costato ben 4 miliardi di dollari di capitalizzazione. Secondo il Guardian il valore delle azioni infatti è passato da 56,10 dollari a 55,22 dollari, causando quindi una perdita dell’1,6%: il valore complessivo del titolo è passato da 242 miliardi di dollari a 238 miliardi di dollari.

Oltre al danno d’immagine, dunque, vi è stato anche un danno economico per il colosso delle bibite.

Coca, Cola

Ripercussioni del gesto

La sfida tra queste due vere e proprie icone pop si prospetta interessante e sicuramente non da risolversi in poco tempo: altri calciatori infatti hanno emulato il gesto del portoghese, come l’italiano Manuel Locatelli post Italia-Svizzera. Altri invece hanno colto la palla al balzo per fare lo stesso gesto con altri sponsor: Paul Pogba ha spostato la bottiglia di birra Heineken, molto probabilmente per sottolineare il proprio credo musulmano.

La UEFA si è divincolata dalla scomoda situazione dicendo che “ognuno ha diritto alle proprie preferenze in fatto di bevande, con gusti ed esigenze diverse. Ai giocatori viene offerta acqua, insieme a Coca Cola e Coca Cola Zero Sugar, all’arrivo alle nostre conferenze stampa”

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica