Rottamazione cartelle esattoriali 2023: come funziona e cosa cambia

Nuova rottamazione delle cartelle esattoriali nel 2023. Secondo quanto contenuto nella prossima Manovra, il prossimo anno i contribuenti in debito con il Fisco potranno beneficiare di alcune importanti agevolazioni. Vediamo tutti i dettagli nel seguente articolo.

euro-money-euro-currency-coins-stacked-on-top-of-each-other-in-different-positions-against-the-background-of-euro-banknotes-business-finance-concept-business-news-splash-screen-banner-mockup-min

Rottamazione quater nel 2023. Manca solo l’ufficialità, che arriverà con l’approvazione della prossima Legge di Bilancio, ma è praticamente certa una nuova rottamazione delle cartelle esattoriali.

I contribuenti potranno accedervi presentando domanda entro il 30 aprile 2023. Vediamo nel dettaglio come funzionerà e quali saranno le scadenze per il pagamento delle rate.

Rottamazione quater nel 2023

money-1005476_1920

Nuova rottamazione delle cartelle nel 2023, con una novità importante: potranno accedervi anche i contribuenti che sono decaduti dalle precedenti edizioni.

Per avere diritto alla rottamazione quater sarà necessario presentare apposita domanda all’Agenzia delle Entrate-Riscossione entro il 30 aprile 2023, rinunciando al ricorso relativo al proprio debito. A tal proposito, in caso di giudizi pendenti sullo stesso debito oggetto della rottamazione, sarà necessario rinunciarvi espressamente nella domanda.

Confermato anche per la rottamazione quater il periodo di tolleranza di 5 giorni, così come la possibilità di pagare solo l’imposta dovuta, senza sanzioni.

Rate rottamazione 2023: le scadenze

Businessman planning events, deadlines and agenda

Anche per la rottamazione quater, il contribuente potrà scegliere se pagare in un’unica soluzione o a rate.

Nel primo caso, la scadenza sarà quella del 31 luglio 2023. Per quanto riguarda la rateazione, invece, il numero massimo di rate sarà 18, con il piano che dovrà chiudersi in 5 anni. Gli interessi saranno al tasso fisso del 2% e inizieranno a decorrere dal 1° agosto 2023.

Il calendario delle scadenze, salvo eventuali modifiche, sarà il seguente (a partire dal 2023 e a ripetersi per i successivi 5 anni):

  • 31 lugli0 2023;
  • 30 novembre 2023;
  • 28 febbraio 2024;
  • 31 maggio 2024;
  • 31 luglio 2024.

Le prime due rate, a prescindere dalla durata del piano di rateazione, dovranno essere pari, in totale, al 20% dell’importo complessivamente dovuto.

Lascia un commento